Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Attacco-armato-in-Mali-raso-al-suolo-un-villaggio-un-centinaio-di-morti-d038a31c-3cfc-4f2f-8eb0-a6ac1e37f8b3.html | rainews/live/ | true
MONDO

Le vittime erano di etnia Fulani

Attacco armato in Mali, raso al suolo un villaggio: un centinaio di morti

Condividi
Mali (Foto archivio)
Oltre un centinaio di persone sono rimaste uccise in un attacco di una trentina di uomini armati nel villaggio di etnia Fulani a una ventina di chilometri a sudovest di Bankass, in Mali. Lo riferiscono i media locali, citando dei testimoni secondo i quali il villaggio sarebbe stato completamente raso al suolo. Gli assalitori sarebbero entrati in azione alle 5 di mattina sparando "su tutto ciò che si muoveva, anziani, bambini, donne incinte".  Una quarantina i feriti. 

Gli armati che hanno attaccato il villaggio di Ossagadou portavano "abiti tradizionali", riferisce
il sito Malijet senza precisare a quale etnia appartengano. si presume però che si tratti di Dogon, una popolazione del Mali cui è stato attribuito un massacro di 37 Fulani nel gennaio scorso.

Le uccisioni di Fulani - etnia nomade dell'Africa occidentale, dedita alla pastorizia e al commercio e diffusa dalla Mauritania al Camerun - sono innescate da attriti per l'uso della terra: i loro armenti danneggiano i campi causando la reazione degli agricoltori. Stragi in scontri che coinvolgono i Fulani sono relativamente frequenti anche in Nigeria.

Nell'attacco odierno al villaggio situato circa 500 a nord-est della capitale maliana Bamako, sul confine col Burkina Faso, secondo una testimonianza raccolta dal sito sarebbero state bruciate più di 400 abitazioni e a morire sarebbero stati tutti gli abitanti di Ossagadou tranne qualcuno riuscito a fuggire. Massacrati anche "decine" di animali.