Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Barcone-affondato-in-Libia-36-i-salvati-Centinaia-dispersi-Unhcr-crisi-senza-precedenti-8e40842e-6063-447e-82b8-9184ffb20ba7.html | rainews/live/ | true
MONDO

Nel weekend circa 600 tra morti e dispersi

Barcone affondato in Libia: ancora centinaia i dispersi. Unhcr: crisi senza precedenti

Si teme per i dispersi del barcone affondato a largo delle coste libiche nella notte di domenica. L'incidente si è verificato a Tajoura, a est di Tripoli

Condividi
Con il passare delle ore si teme per le sorti dei dispersi del barcone affondato al largo delle coste libiche: i salvati sono al momento 36, ma a bordo c'erano circa 250 persone. Uno scenario drammatico, quello trovato dai soccorritori, con molti corpi senza vita che galleggiavano tra le onde. 

In un solo fine settimana si sono contati 600 tra morti e dispersi. Numeri che spingono l'Unhcr a parlare di una "crisi umanitaria senza precedenti". Da gennaio - secondo i dati dell'agenzia Onu per i rifugiati - sono circa 110mila i migranti salvati nel Mediterraneo, mentre sono almeno 1.889 i morti durante la traversata verso l'Europa.

Unhcr: 600 tra morti e dispersi
Il primo naufragio, dettaglia l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, è avvenuto venerdì 13 settembre al largo di Malta, con un bilancio di 9 sopravvissuti e 300 dispersi. Il secondo, nello stesso giorno davanti alle coste egiziane, con 15 morti e 72 sopravvissuti. Poi, sempre venerdì scorso, davanti alle coste della Libia, da un altro naufragio sono stati recuperati tre cadaveri e 99 sopravvissuti. Sabato 14, il secondo naufragio davanti alle coste libiche, con un bilancio drammatico: 45 cadaveri recuperati - tra cui quelli di sei donne - e 75 sopravvissuti. Infine, sempre sabato e, al largo della Libia, l'ultimo naufragio.

Quasi 3mila i salvati
Sono oltre 2300 i migranti soccorsi in più interventi dalle navi della Marina Militare e dalle motovedette delle Capitanerie di porto in questo fine settimana nello Stretto di Sicilia. Ai salvataggi effettuati dal dispositivo Mare Nostrum sono da aggiungere i 507 migranti (tra cui 71 donne e 95 minori) a bordo della nave mercantile Blue Emerald. I porti di destinazione: Augusta, Vibo Valentia, Brindisi e Salerno.