Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Bce-crescita-Ue-si-rafforza-restano-incertezze-elevate-737f2d49-9f55-4bf5-95aa-3771c6b51196.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Il bollettino economico

Bce, crescita Ue si rafforza, restano incertezze elevate. Pesa caro energia

Condividi
"Dopo due trimestri di calo del prodotto, il PIL in termini reali dell'area dell'euro ha segnato una ripresa nel secondo trimestre del 2021 e si stima un suo ulteriore rafforzamento nel terzo".   Lo scrive la Bce nel bollettino economico, anticipando che"la crescita del prodotto dovrebbe mantenersi dinamica nel prossimo futuro, sebbene in rallentamento verso la fine dell'anno". Tuttavia - si legge -  "le incertezze legate alla pandemia restano elevate".   La Bce vede rischi "bilanciati": le strozzature all'offerta e il caro-energia potrebbero rallentare il Pil,  una ripresa dei consumi con più vigore potrebbe accelerarlo. 

Il Consiglio direttivo della Bce "è pronto ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l'inflazione si stabilizzi sull'obiettivo fissato dalla BCE del 2% nel medio termine".   Lo scrive la Bce nel bollettino economico, osservando che l'inflazione dovrebbe continuare ad accelerare nel corso del 2021, e che "l'attuale fase di rialzo durerà più a lungo di quanto inizialmente atteso, ma si prevede che nel corso del prossimo anno l'inflazione si riduca".

Ripresa moderata, peso strozzature offerta e caro energia
L'economia dell'area dell'euro "ha proseguito la sua ripresa vigorosa, sebbene a un ritmo in certa misura più moderato". E' quanto si legge nel Bollettino economico della Bce, che spiega: "A livello mondiale l'attività economica ha continuato a espandersi, sebbene a un ritmo in via di rilevante moderazione, nel quadro di una combinazione di fattori, fra cui assumono maggiore peso le persistenti strozzature dal lato dell'offerta".

Nel breve periodo, si legge, "le strozzature dal lato dell'offerta e l'incremento dei prezzi dell'energia rappresentano i principali rischi per il ritmo della ripresa e per le prospettive di inflazione. Il protrarsi delle carenze dell'offerta e dei più elevati prezzi dell'energia potrebbe rallentare la ripresa". 

Ripresa dipende da ulteriori progressi vaccinazioni
"La ripresa continua a dipendere dall'andamento della pandemia e dagli ulteriori progressi nelle vaccinazioni": lo sottolinea la Bce nel bollettino mensile.    "La combinazione di dati quantitativi, risultati delle indagini e indicatori ad alta frequenza - spiega l'Eurotower - segnala una prosecuzione della robusta crescita del Pil nel terzo trimestre di quest'anno, seguita da una moderazione nel quarto. Tale risultato rifletterebbe l'aumento dei tassi di vaccinazione e il calo dei tassi di contagio nel terzo trimestre che hanno consentito l'allentamento osservato nelle misure di contenimento".