Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Bielorussia-opposizione-torna-in-piazza-proteste-a-Minsk-e-a-Kiev-078ece36-edbb-4330-95e8-d7ce39a8eafd.html | rainews/live/ | true
EUROPA

La crisi

Bielorussia, l'opposizione torna in piazza: proteste a Minsk, Varsavia e Kiev

Condividi
Manifestazione a Kiev per opposizione Bielorussia (Ansa)
L'opposizione bielorussa ha manifestato oggi contro il leader autoritario del paese, Alexander Lukashenko, nella capitale della vicina Ucraina. La protesta di circa 100 persone è arrivata una settimana dopo che la Bielorussia ha suscitato indignazione in Occidente deviando un volo Ryanair sul suo territorio e arrestando un giornalista dissidente che era a bordo.

La Bielorussia sostiene che il diversivo fosse necessario a causa di una minaccia di bomba, ma i funzionari occidentali hanno denunciato la mossa come pirateria aerea. "Si sta costruendo una Corea del Nord passo dopo passo" in Bielorussia, ha detto sabato a Kiev il manifestante Syarhey Bulba. Anche nella capitale bielorussa, Minsk, diverse decine di persone hanno marciato contro Lukashenko.

Anche a Varsavia diverse centinaia di persone hanno manifestato per esprimere il loro sostegno all'opposizione bielorussa. Tra loro anche i genitori del giornalista dell'opposizione bielorussa in esilio Roman Protassevich, arrestato insieme alla fidanzata dalle autorità di Minsk dopo aver dirottato il volo Ryanair sul quale viaggiavano diretto da Atene a Vilnius.    Natalia Protassevich, madre del giornalista, ha invitato "tutti i Paesi dell'Ue e gli Stati Uniti" ad aiutare "a liberare Roman e la sua compagna Sofia, così come tutti gli altri imprigionati". "Vogliamo vivere in un Paese libero, in un Paese in cui ognuno ha il diritto di esprimere le proprie convinzioni", ha aggiunto il padre Dmitri. I manifestanti hanno cantato "Lunga vita alla Bielorussia!" e hanno esposto cartelli con slogan come "Libertà per la Bielorussia" o una "Corea del Nord nel cuore dell'Europa".

Le manifestazioni si sono tenute a un anno dall'arresto del marito della leader dell'opposizione Svetlana Tikhanovskaya che si è candidata contro Lukashenko alle elezioni presidenziali
del 9 agosto. I risultati ufficiali delle presidenziali hanno dato a Lukashenko l'80% dei voti e gli hanno fatto vincere un sesto mandato. Immediatamente sono scoppiate le proteste con i manifestanti che denunciavano brogli. Le proteste, alcune delle quali hanno attirato fino a 200.000 persone, sono continuate per mesi, una sfida significativa per Lukashenko.

La polizia ha represso duramente i dissidenti, arrestando più di 30.000 persone. Sebbene le proteste si siano placate durante l'inverno, le autorità hanno continuato a reprimere ad ampio raggio l'opposizione. L'organizzazione per i diritti umani di Vyasna in Bielorussia ha detto che un ciclista che è stato arrestato in una gara che i funzionari ritenevano un raduno non autorizzato è stato accusato di aver insultato il presidente per aver indossato una maglietta che denunciava la dittatura. L'accusa comporta una possibile pena detentiva di 2 anni.