Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Casa-Tensione-a-Roma-manifestanti-sgombrati-con-idranti-2092eac1-a54b-40f9-ae1d-5ffe8abf884d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Due persone ferite

Casa. Tensione a Roma, manifestanti sgombrati con idranti

Manifestanti identificati, sanzione di 2500 euro. "Ammenda per blocco stradale, manifestazione estemporanea"

Condividi
Roma risponde a Bologna. I movimenti per il diritto all'abitare sono scesi in piazza per manifestare la loro solidarieta' con le persone che sono state sgomberate oggi
dall'ex Telecom di Bologna.
   
Nel piazzale di Porta Pia e' in corso una manifestazione, che ha bloccato la circolazione nella zona davanti la sede del ministero delle Infrastrutture. Le forze dell'ordine sono intervenute usando gli idranti e con cariche di alleggerimento per disperdere i manifestanti. "Vergogna" e "assassini" i cori scanditi dalla piazza.

Le Forze dell'ordine, intervenute per sciogliere il sit-in, hanno reagito al lancio di oggetti e sassi usando gli idranti. Un semaforo e' stato divelto. 

Due manifestanti sono rimaste ferite durante i momenti di tensione. Le due donne sono state soccorse dal 118 e trasportate al vicino Policlinico Umberto I, una con una sospetta frattura alla gamba e l'altra con trauma cranico.

I partecipanti al presidio di Porta Pia a Roma, in solidarietà con gli occupanti dello stabile ex Telecom a Bologna, sono stati identificati "ai fini della denuncia e della contestazione della sanzione amministrativa di 2.500 euro collegata al blocco stradale". E' quanto si apprende da una nota della Questura.
   
Il gruppo di manifestanti, circa 200, secondo la Questura "ha dato vita ad una manifestazione estemporanea", e tra loro figuravano "personaggi con precedenti specifici per il reato contro l'ordine pubblico". "Dopo aver tentato invano di far desistere i manifestanti" che nel frattempo avevano dato vita ad un blocco stradale, e "considerato che nel frattempo avevano determinato la paralisi del traffico dell'intera area, le Forze di Polizia sono dovute intervenire con l'utilizzo del mezzo
idrante per disperdere i facinorosi ed evitare contatti diretti".