Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ceta-premier-Michel-trovato-accordo-in-Belgio-45a129ee-f1b5-4065-a3f9-fcc53bf2c03a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Libero commercio tra l'Ue e il Canada

Ceta, premier Michel: trovato accordo in Belgio

Condividi
Il premier Charles Michel
Il premier belga Charles Michel annuncia che è stato trovato un accordo in Belgio sul Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l'intesa di libero commercio tra Canada ed Ue. Intanto pero è saltato l'incontro per la firma previsto per oggi con il premier canadese, Justin Trudeau. Abbiamo "trovato un accordo" annuncia Michel, al termine di una riunione con le regioni e le comunità linguistiche del Belgio.

L'intesa dovrà ora essere inviata all'Unione europea e ai diversi Parlamenti della Repubblica federale belga, i quali si esprimeranno "entro venerdì a mezzanotte". E' "una buona notizia per il Belgio a livello europeo" aggiunge il premier. "Abbiamo trovato un'intesa tra i belgi" dice Paul Magnette, il premier della Vallonia, la regione che ha guidato fino a oggi il no al Ceta. "La Vallonia - aggiunge - è molto contenta che le sue richieste siano state ascoltate".

Anche le altre regioni belghe erano scettiche sull'accordo. "Sono reticente a dare dei tempi" per la firma, dice il portavoce della Commissione Ue, Margaritis Schinas, ricordando che l'intesa tra le parti del Belgio dovrà essere discussa dai 27 partner europei, i quali avevano dato il via libera al testo che oggi a Bruxelles il Belgio ha in parte modificato. Il Canada, dopo aver annullato l'incontro previsto per oggi, si è detto disponibile "a siglarlo quando l'Europa sarà pronta".

Tusk contatterà Trudeau "a procedure ultimate"
Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, contatterà Trudeau quando le procedure in seno all'Ue saranno ultimate, per fissare una nuova data per la firma del Ceta. "Sono contento - dice Tusk - della buona notizia del premier, Charles Michel. Contatterò Justin Trudeau, quando le procedure finalizzate alla firma del Ceta saranno ultimate da parte dell'Ue".