Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Concordia-Prima-assenza-di-Schettino-al-processo-488474c8-95c7-426e-8bd0-2ff28b22ea32.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Grosseto

Concordia: Prima assenza di Schettino al processo

Il pm Alessandro Leopizzi ha chiesto al tribunale di Grosseto una perizia sul Dna di resti umani trovati a Genova sulla Costa Concordia dopo l'operazione di 'refloating'

Condividi
Francesco Schettino (LaPresse)
Per la prima volta, dopo una quarantina di udienze, l'imputato Francesco Schettino è assente al processo sul naufragio della Costa Concordia, che dopo la pausa estiva è ripreso oggi a Grosseto.

Secondo i legali sarebbe malato
Finora Schettino non ha mancato mai un'udienza. L'assenza di Schettino ha coinciso con un ritardo dei suoi avvocati, circostanza che ha motivato un lieve rimprovero del presidente Giovanni Puliatti per un mancato avviso. Schettino, secondo i legali, sarebbe malato.

Richiesta perizia su Dna ossa 
Il pm Alessandro Leopizzi ha chiesto al tribunale di Grosseto una perizia sul Dna di resti umani trovati a Genova sulla Costa Concordia dopo l'operazione di 'refloating'. La richiesta è stata presentata in apertura di udienza e riguarda parti di cranio, mandibola e ossa della colonna dorsale. Il pm ha indicato che i resti potrebbero appartenere alle due ultime vittime disperse, Maria Grazia Trecarichi, di cui è stato trovato il corpo, e Russell Rebello, di cui finora non è stato ritrovato alcun reperto. Il presidente Giovanni Puliatti ha detto che darà incarico della perizia nell'udienza di domani. 

Udienza con testimoni delle parti civili
Riguardo l'udienza di oggi e di domani i giudici del collegio di Grosseto hanno messo in calendario l'audizione di testimoni proposti dalle parti civili: non ci saranno solo naufraghi, con i loro racconti, ma deporranno anche consulenti tecnici che potrebbero fornire nuovi argomenti per la definizione delle responsabilità del naufragio.

Difesa: "Schettino si farà interrogare in aula quando sarà il momento"
"Sicuramente, quando sarà il momento, il comandante Francesco Schettino si farà interrogare in aula": lo ha affermato il difensore di Schettino, l'avvocato Domenico Pepe, chiarendo, in una pausa del processo, una strategia processuale della difesa finora rimasta incerta. "E' opportuno che il comandante si difenda su ogni punto di cui viene accusato; risponderà alle domande di tutte le parti con dichiarazioni in aula". L'ex comante della Concordia potrebbe essere sentito nelle prime udienze del 2015.
   
Polemiche sulla lezione tenuta da Schettino a "La Sapienza" lo scorso 5 luglio 
Sono state numerose le polemiche scatenate per la lezione che Schettino ha tenuto a Roma per un master dell'università La Sapienza il 5 luglio scorso, il giorno seguente all'ultima udienza del processo prima della pausa estiva. L'intervento di Schettino ha riguardato la gestione della crisi a bordo della nave, in pratica un pezzo della sua difesa anticipato agli studenti dell'ateneo romano.