Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Consumi-elettrici-record-a-luglio-47ec841c-9b1e-43c6-bb18-2ddda2f537cd.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Il picco dovuto alle alte temperature di quest'anno

Consumi elettrici, record a luglio: +13,4 per cento

 Il dato della richiesta di elettricità di luglio è in assoluto il più rilevante di sempre per il sistema elettrico italiano, sia in termini assoluti sia in termini di incremento percentuale

Condividi

Il gran caldo ha fatto schizzare la domanda di energia elettrica a luglio che si è attestata a 32 miliardi di kWh, un valore in crescita del 13,4% rispetto allo stesso mese dell`anno precedente. Secondo quanto rilevato da Terna, il gestore della rete elettrica nazionale, il dato della richiesta di elettricità di luglio è in assoluto il più rilevante di sempre per il sistema elettrico italiano, sia in termini assoluti sia in termini di incremento percentuale.

L`elevata crescita del fabbisogno di energia elettrica è dovuta alle eccezionali temperature atmosferiche registrate; il mese di luglio di quest'anno, a parità di giorni lavorativi (23), ha avuto una temperatura media mensile superiore di 4°C rispetto al luglio 2014 che, ricorda Terna, era stato particolarmente negativo rispetto al 2013 (-5,1%). Nel mese di luglio, inoltre, è stato raggiunto il nuovo record assoluto dei consumi elettrici in Italia: alle ore 16 di martedì 21 luglio Terna ha registrato un valore di picco pari a 59.353 MW. Nei primi sette mesi la domanda di energia elettrica risulta in crescita dell`1,6% rispetto ai volumi del corrispondente periodo del 2014. A parità di calendario il risultato è +1,4%. 

 I 32 miliardi di kWh richiesti nel mese di luglio, spiega Terna, sono distribuiti per il 45,7% al Nord, per il 30,3% al Centro e per il 24% al Sud. 
La domanda di energia elettrica a luglio è stata soddisfatta per l'87% con produzione nazionale e per la quota restante (13%) dal saldo dell'energia scambiata con l'estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (28 miliardi di kWh) è in crescita
dell'11,4% rispetto al luglio scorso. Sono in crescita le fonti di produzione termica (+29%) e fotovoltaica (+21,2%). In calo le fonti eolica (-42,2%), idroelettrica (-21,5%) e geotermica (-1,5%).