Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-0119aabb-d99b-4458-b1b0-2dcae0ace8c0.html | rainews/live/ | true
SPORT

Calcio

Roma, Pallotta: "Persa fiducia in Sabatini, Monchi un dono del cielo"

Il presidente della Roma attacca il mercato del Milan : non ho idea di cosa stia succedendo. Non ha senso - dice in un'intervista all'emittente radiofonica di New York 'SiriusXM' 

Condividi
"Siamo stati fortunati a prendere Monchi perché qualcun altro lo voleva per molti più soldi. In due mesi è stato un dono del cielo". Sono le parole di apprezzamento per il direttore sportivo giallorosso del presidente della Roma, James Pallotta, in una intervista a 'SiriusXM'.

Per quanto riguarda l'ex ds giallorosso, Sabatini, Pallotta ha poi aggiunto: "E' un cambiamento che pensavo andasse fatto realmente perché avevo perso molta fiducia dopo i primi due anni. Non solo per il tipo di giocatori che stavamo comprando, ma per un po' di cose. I primi due anni sono stati ottimi ma avremmo dovuto costruire su quelli e invece lui continuava semplicemente a fare scambi".

Un pensiero sul rinnovo di Nainggolan. "Ho parlato con lui, gli ho detto ovviamente di volerlo tenere e che lo staff e Monchi voleva altrettanto. Dal mio punto di vista è uno dei più importanti in campo, non si ferma mai, è un giocatore completo".

Pallotta attacca Milan: Mercato senza senso
"Non ho idea di cosa stia succedendo, non ha senso. Non hanno i soldi in primo luogo per comprare la squadra, visto che hanno preso 300 milioni in prestito da persone che conosco a Londra, a un interesse piuttosto alto. Stanno spendendo, o almeno facendo importanti anticipi, per giocatori e pagheranno le conseguenze a un certo punto". Sono le perplessità del presidente della Roma, James Pallotta, sul Milan protagonista del mercato estivo in una intervista rilasciata a 'Sirius XM'. "Dicono che è tutto per qualificarsi alla Champions League, ma non sarà abbastanza -prosegue il presidente giallorosso-. Quando gli stipendi saranno uguali ai ricavi, non so che diavolo succederà. Sono gli unici in Serie A che stanno perdendo la testa. Forse loro hanno un grande piano che un giorno scopriremo, ma il resto delle squadre sono in qualche modo razionali. Se potete spiegarmi il Milan, perché io non lo capisco".