Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-04683d6d-1fb4-4544-b46d-49ab856d4d69.html | rainews/live/ | true
MONDO

Angela Merkel verso un nuovo mandato

Germania, accordo nella notte: grandi intese al via

A due mesi dalle elezioni i cristiano-sociali e i socialdemocratici raggiungono un accordo, che dovrà essere approvato dalla base della Spd. Tra le concessioni fatte dal partito di Angela Merkel, l'introduzione di un salario minimo dal 2015

Condividi
Angela Merkel
Berlino

Primo via libera alle grandi intese in Germania. A due mesi dalle elezioni, vinte senza ottenere la maggioranza assoluta, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha trovato un accordo con il Partito Socialdemocratico. 

Nuovo mandato dal 17 dicembre?
L'intesa tra i cristiano sociali di Cdu/Csu e la Spd dovrà ora essere approvata dai militanti di quest'ultimo attraverso un referendum, il cui esito è incerto. Se la base socialdemocratica darà la sua approvazione, Angela Merkel dovrebbe essere eletta il 17 dicembre dai membri del Bundestag: guiderà una grande coalizione e avrà un terzo mandato di quattro anni.

Remake del primo governo Merkel
La "Grosse Koalitionen" era già stata la formula del primo governo Merkel (2005-2009). Nella legislatura successiva (2009-2013) i cristiano-sociali erano andati al potere con i liberaldemocratici (più affini dal punto di vista ideologico). Quest'ultimo partito, preferito da Angela Merkel, alle elezioni non ha superato la soglia di sbarramento e non è entrato nel Bundestag. La Cdu-Csu, dopo un tentativo infruttuoso con i Verdi, è stata costretta a rivolgersi alla Spd.

Le concessioni ai socialdemocratici
I conservatori avrebbero accettato anche una delle misure al centro del programma elettorale dei socialdemocratici: la creazione di un salario minimo di 8,50 euro l'ora a partire dal 2015, ma che si applicherebbe a tutti solo dal 2017. La Spd ha ottenuto anche un aumento delle pensioni per i lavoratori più deboli e le madri di famiglia e la possibilità di andare in pensione a 63 anni per chi ha 45 anni di contributi. Complessivamente, il progetto di grande coalizione dovrebbe prevedere misure sociali e investimenti per 23 miliardi di euro. 

"Mantenuti gli impegni con gli elettori"
Con questo accordo di grande coalizione è "stato fatto un passo nella giusta direzione", ha dichiarato Angela Merkel. "Abbiamo mantenuto le promesse fatte ai nostri elettori in campagna elettorale. Innanzitutto sulle finanze solide, senza nuovi debiti e per una solida Unione europea, che non sia un'Unione dei debiti".