Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-0470b706-e2c0-47ae-85fd-52e68903b6fa.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Tensione all'Infernetto

Scontri a Tor Sapienza, procura di Roma apre un'inchiesta

La Digos è stata incaricata di preparare un'informativa per ricostruire i fatti accaduti nel quartiere capitolino

Condividi
Le forze dell'ordine davanti il centro d'accoglienza a Tor Sapienza (foto di Angela Caponetto)
Roma
Dopo gli incidenti scoppiati nei giorni scorsi tra le forze dell'ordine e i residenti di Tor Sapienza, la procura di Roma ha aperto un'inchiesta. 

Informativa per ricostruire i fatti
Il pm Eugenio Albamonte, titolare del procedimento, ha incaricato la Digos di preparare una informativa per ricostruire i fatti che hanno visto contrapporsi i romani favorevoli alla chiusura del Centro di accoglienza e allo sgombero del campo nomadi di via Salviati, e le forze di polizia.

Gli scontri all'Infernetto
Nel frattempo ci sono stati anche problemi al centro immigrati all'Infernetto, quartiere a Sud di Roma dove nei giorni scorsi sono stati trasferiti alcuni stranieri minorenni ospiti della struttura di Tor Sapienza. Nel centro del quartiere ieri sera si è verificata una rissa nella quale potrebbe essere stata usata anche un'arma da taglio: almeno quattro persone sarebbero state trasportate in ospedale con ferite e contusioni. Ad allertare le forze dell'ordine sono stati anche numerosi residenti del quartiere allarmati dalle grida che arrivavano dall'interno della struttura di via Salorno. Quattro egiziani arrivati dal centro di Tor Sapienza sono ritenuti responsabili non solo dei tafferugli di ieri sera ma anche di quelli di sabato scorso e potrebbero essere trasferiti in case di accoglienza. 

Cutini: "Predisponiamo percorsi d'accoglienza individuali"
Di fronte all'ipotesi circolata sul trasferimento degli altri ragazzi, l'assessore alle Politiche Sociali di Roma Capitale, Rita Cutini, ha specificato: "Non è in corso alcun trasferimento da una struttura all'altra, o da un municipio all'altro, dei ragazzi presenti all'interno dei centri di accoglienza, a partire da quello dell'Infernetto. Si stanno predisponendo percorsi di accoglienza individuali in grado di dare risposte più efficaci e un maggiore sostegno" ha precisato Cutini, spiegando che "per i ragazzi trasferiti da Tor Sapienza abbiamo sempre parlato di una soluzione provvisoria", e che "in queste ore stiamo definendo un percorso più adatto alle loro esigenze e alla loro storia, fatta di disagio e sofferenza".

Striscioni contro il centro
Intanto questa mattina per le strade del quartiere sono comparsi striscioni di Casapound contro il centro d'accoglienza all'Infernetto. Mentre sarebbero cinque al momento gli immigrati denunciati al Tribunale dei Minori per la maxi rissa.