Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-04c1da72-9211-4612-915d-372786e9d64c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il premier afghano

Chi è Abdullah Abdullah

Condividi
di Roberto Montoya
Abdullah Abdullah, attualmente primo ministro della Repubblica Islamica dell’Afghanistan, è nato a Kabul e viene considerato nella vita politica afgana come un tecnocrate. E’ Figlio di Ghulam Muhayuddin, di etnia Pashtun della zona di Kandahar. Proviene da una famiglia musulmana numerosa, composta da nove fratelli. È sposato e ha quattro figli.
 
Abdullah ha trascorso i suoi primi anni vivendo tra Kandahar e Kabul, dove il padre lavorava come amministratore e ispettore nell'ufficio del Primo Ministro.
 
Abdullah si è laureato in medicina col massimo dei voti nel 1983 all’università di Kabul e nel 1984 si è trasferito in Pakistan, dove ha lavorato nell’ospedale dei Rifugiati delle famiglie afghane. Durante l'invasione sovietica dell'Afghanistan e del governo comunista della Repubblica d'Afghanistan, nel settembre del 1985, Abdullah divenne il capo del Dipartimento della salute per il Fronte di resistenza Panjshir, coordinando i trattamenti e l'assistenza sanitaria per i combattenti della resistenza e la popolazione civile. Divenne uno stretto collaboratore e consigliere del comandante dei mujaheddin Ahmad Shah Massoud nella guerra sovietico-afghana.
 
Per il medico Abdullah, Massoud, era un vero musulmano, un combattente senza paura, un comandante coraggioso e un uomo con una visione chiara. Allo stesso tempo nei periodi di maggiore violenza nel suo paese era molto preoccupato per la pace e la stabilità della vita di tutti gli afghani.
 
Dal 1992 Abdullah Abdullah si è schierato a favore della liberazione di Kabul e nello stesso anno è diventato Ministro degli Esteri per il Governo in esilio della Repubblica Islamica dell’Afghanistan. Dopo l’uscita dei talebani da Kabul nel 1999, è stato Ministro degli Esteri del Governo di Transizione.
 
Nel 2009 è stato uno dei candidati indipendenti alle elezioni presidenziali dell'Afghanistan. È arrivato al secondo posto con circa il 30% dei voti. Ma al ballottaggio dichiara in pubblico di voler rinunciare poiché temeva nuovi brogli, che la commissione elettorale aveva già denunciato al primo turno, a favore del suo rivale politico, Hamid Karzai, che poi fu rieletto Presidente dell'Afghanistan.   
 
Nel 2010 è stata creata una coalizione nazionale dell'Afghanistan, che è uno dei principali movimenti di opposizione democratica nel paese. Sostenuta da una dozzina di partiti politici afgani guidata da Abdullah, è stata costituita per sfidare il governo del presidente Hamid Karzaida. Nel 2011, la coalizione nazionale ha corso di nuovo nelle elezioni presidenziali del 2014 e si è recato al secondo turno con il 45% dei voti, mentre il suo più diretto rivale, Ashraf Ghani, aveva ottenuto il 32% del totale dei voti.  
 
A causa ancora di segni di frode, i risultati del secondo turno sono stati pesantemente contestati, nonostante tutto il risultato finale certificato dalla commissione elettorale indipendente dell'Afghanistan ha dimostrato che Ashraf Ghani ha ricevuto il 55,3% dei voti, mentre Abdullah Abdullah ha ottenuto una percentuale del 44,7%. Dopo mesi di colloqui e mediazioni USA, i due candidati hanno istituito un governo di unità nazionale in cui Abdullah è il capo dell'esecutivo della Repubblica islamica dell'Afghanistan e il nuovo presidente dell'Afghanistan è Ashraf Ghani Ahmadza.