Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-062ff631-ab16-488f-9f5d-751e4aa6847f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Scattata alle 2

E' tornata l'ora legale, nella notte tra sabato e domenica lancette avanti di 60 minuti

Un'ora di meno di sonno ma giornate più lunghe: il cambiamento di orario porterà un risparmio di 90 milioni di euro nel 2015. In Italia venne introdotta per la prima volta nel 1916

Condividi
E' tornata l'ora legale: alle 2.00 in punto di domenica 29 marzo l'orologio avanti di 60 minuti. Per sette mesi, fino alla notte tra il 24 ed il 25 ottobre. Un cambiamento che porterà un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica pari a 555,8 milioni di kilowattora. Si tratta di una quantità di energia corrispondente al fabbisogno annuo medio di circa 200 mila famiglie. 

I disagi 
Secondo gli esperti dell'Università La Sapienza di Roma il ritorno all'ora legale causerà danni emotivi e disagi psichici, come affaticamento, irritabilità, cefalee, e soprattutto problemi di insommnia, per il 15 per cento degli italiani, 9 milioni in tutto. L'ora di luce in più infatti potrebbe causare difficoltà nell'addormentamento: il segreto è mantenere invariata l'ora di sveglia al mattino per mantenere la regolarità del ritmo veglia-sonno.

La dieta consigliata
Esistono anche alcuni consigli legati all'alimentazione. Acqua e limone appena svegli per depurarsi, qualche mandorla contro la spossatezza nonchè pasta, riso, orzo e pane per combattere l'insonnia. L'insolito menù è stato indicato dalla Coldiretti Lombardia come un toccasana per affrontare il 'jet lag da cuscino', ossia gli effetti del passaggio all'ora legale. "L'alimentazione - ha spiegato la Coldiretti - aiuta ad affrontare meglio il ritmo del dormiveglia e il cambio da una stagione all'altra".

L'origine dell'ora legale
In Italia l'ora legale è stata adottata per la prima volta nel 1916 in via definitiva nel 1966 in concomitanza con la crisi energetica. Ma la prima volta che se ne è parlato risale al 1700 con Benjamin Franklin, il primo ad intuire che adottare un orario che inseguisse il sole avrebbe portato notevoli risparmi di energia.

I Paesi che non la adottano
Ci sono tre Paesi che non la adottano: Russia, Cina e Giappone. Negli Stati Uniti e in Canada è già entrata in vigore da qualche giorno. Altri Paesi che non adottano l'ora legale sono Cuba, Haiti, Iran, Israele, Giordania, Mongolia, Marocco, Messico, Egitto, Brasile, Uruguay, Paraguay, Australia, Nuova Zelanda e Namibia.