Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-347942e5-8f2a-42ee-890a-52c3fa7cb74c.html | rainews/live/ | true
MONDO

Merkel: Steinmeier accompagnerà bene Paese in tempi difficili

Germania, Frank-Walter Steinmeier eletto presidente: "Siamo àncora di speranza"

Un'ampia maggioranza ha eletto il successore di Joachim Gauck alla presidenza della Germania. Steinmeier eletto alla prima votazione con oltre 900 preferenze ha parlato per circa 10 minuti al Parlamento. "Abbiamo bisogno di coraggio - ha detto - per preservare ciò che abbiamo, cioè libertà e democrazia in un'Europa unita"

Condividi
Germania, il presidente Frank-Walter Steinmeier (AP)
L'ex ministro degli Esteri della Germania Frank-Walter Steinmeier è stato eletto capo dello Stato. I voti per lui sono stati 932. L'esponente socialdemocratico è stato eletto alla prima votazione dalla Bundesversammlung.

Bastavano 631 voti per conquistare la presidenza, dunque Steinmeier ha ottenuto ben 300 schede in più rispetto al necessario: a suo favore si è espresso il 75% dei grandi elettori in plenaria al Reichstag (deputati più rappresentanti dei Laender, nonché alcuni personaggi eccellenti della cultura e del paese nominati dai partiti). I voti validi sono stati 1239. Candidato unitario della Grosse Koalition (Cdu/Csu e Spd), il consenso sull'esponente socialdemocratico sia è allargato ai liberali dell'Fdp e a buona parte dei Verdi. Hanno votato i propri candidati i populisti dell'Afd, il partito della sinistra Die Linke, il partito dei Pirati e i "Liberi elettori". Steinmeier succede a Joachim Gauck.

Steinmeier, 61 anni, è soprannominato da alcuni il presidente "anti-Trump": riservato, rigoroso, allergico a facili populismi, Twitta molto di rado. È sposato e ha una figlia. Il presidente federale tedesco riveste un ruolo essenzialmente rappresentativo, non ha poteri esecutivi o di indirizzo politico, ma propone il cancelliere al Bundestag.

Merkel: Steinmeier accompagnerà bene Paese in tempi difficili
"Frank-Walter Steinmeier sarà presidente della Germania in tempi difficili, e io sono certa che, nella sua funzione, potrà accompagnare molto bene il Paese in questi tempi". Lo ha detto la cancelliera Angela Merkel, in un breve statement rilasciato alla stampa, a margine dell'elezione del nuovo presidente della Repubblica tedesca.

Tweet di Gentiloni
 
Il discorso del presidente
È stato un discorso di dieci minuti quello di Steinmeier, dedicato all'Europa e ai populismi. "Dobbiamo mostrare coraggio", ha detto il neo eletto. "Non è meraviglioso? Non è realmente meraviglioso che questa Germania, la nostra difficile patria, come la chiamò Gustav Heinemann, sia diventata per molti un'àncora di speranza?". Poi il presidente non ha citato espressamente Donald Trump, né lo tsunami di stampo populista che scuote l'Unione europea. Ha ricordato che la Germania dopo la seconda guerra mondiale si è ricostruita sulle fondamenta dei valori occidentali "ma se altrove le fondamenta tremano, sta a noi difenderle a maggior ragione" e ha rimarcato "abbiamo bisogno di coraggio per preservare ciò che abbiamo, cioè libertà e democrazia in un'Europa unita".

Steinmeier dice all'aula plaudente che è necessaria "una cultura del confronto in cui si possano distinguere pretese, fatti e bugie" e che "la fiducia nella capacità di giudizio è l'orgoglioso privilegio di ogni cittadino ed il presupposto di ogni democrazia", laddove "la lotta per trovare delle soluzioni non va presa per una debolezza". Anche in Germania molte persone sono rese "insicure" di fronte alle grandi crisi del presente, e sono preoccupazioni che lui intende "prendere sul serio". Però è giusto ricordare, sottolinea, "che in pochi altri luoghi del mondo vi sono tante opportunità quante in Germania".