Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-3703c4ec-71d7-47c0-87ea-dc6d9a14bf63.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Misteri d'arte

Giallo sul volto di Anna Bolena: la donna ritratta nei quadri potrebbe non essere lei

La donna in quelli che erano considerati i famosi ritratti della regina potrebbe non essere Anna Bolena. Mentre il Nidd Hall, che si riteneva fosse il ritratto della terza moglie di Enrico VIII Jane Seymour, potrebbe invece essere quello della Bolena

Condividi
(Foto Ansa)
Una vita tormentata quella di Anna Bolena e oggi a essere messo in discussione è perfino il suo volto. Nelle immagini due dipinti: a destra quello che per anni è stato giudicato il ritratto della Bolena conservato alla National Gallery di Londra e a sinistra The Nidd Hall Portrait, quello che secondo alcuni scienziati americani sarebbe invece il vero volto della donna.

I ricercatori dell'University of California di Riverside, applicando infatti la tecnica della ricostruzione facciale, ritengono di aver dato risposta ai quesiti sul vero volto di colei che provocò lo scisma della chiesa Anglicana.

La donna nel ritratto della National Gallery di Londra non sarebbe la più famosa moglie di Enrico VIII; mentre il Nidd Hall - che si riteneva fosse il ritratto della terza moglie del re, Jane Seymour - potrebbe essere quello della regina decapitata.

Come riferimento gli scienziati hanno usato una miniatura del British Musuem, considerata l'unica immagine autentica della seconda moglie di Enrico VIII.

Molti dipinti su Anna Bolena furono distrutti dopo la sua esecuzione nel 1536 per paura di scatenare l'ira del re, ma quando Elisabetta I salì al trono i ritratti della madre tornarono di moda. Per questo, secondo gli esperti, c'è il rischio che dipinti di nobildonne dell'epoca siano stati modificati ad arte per farli assomigliare alla regina decapitata.