Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-37d14d87-2749-48e7-8dff-09e552e59fca.html | rainews/live/ | true
MONDO

Giovedì Minniti a Tripoli per trattare con la Libia

Migranti, summit a Varsavia. Minniti: cambiare regole di Triton. Portavoce Frontex: non tocca a noi

Condividi
Da un lato c'è Roma, che vuole chiedere di cambiare le regole Triton (che all'epoca aveva accettato, quando Renzi era premier), dall'altra ci sono gli altri Paesi UE (Francia e Spagna in testa) che quelle regole non le vogliono cambiare. Se ne discute oggi a Varsavia, sede di Frontex, con un'aggiunta: la portavoce dell'agenzia europea per il controllo delle frontiere precisa: "Triton è una missione dell'Italia, e cambiarla è complicato". 

Cosa c'è sul tavolo di Varsavia 
La posizione dell'Italia è chiara da tempo: vuole una modifica a Triton per regionalizzare la missione - tradotto: far sì che le navi della missione attracchino anche in altri porti europei - e alleggerire l'enorme pressione sulle coste del sud. 

Cosa hanno già risposto gli altri Paesi
La Francia di Macron - che più volte ha sottolineato che una cosa sono i richiedenti asilo e un'altra i migranti economici - e la Spagna hanno già detto no all'apertura dei loro porti. E dal vertice di Tallinn  sono uscite tre regole: codice per le navi delle ONG, centro di coordinamento migranti da aprire il Libia (ed ecco perchè Minniti è in partenza), stretta sui visti. 

La posizione di Frontex: Triton è una missione dell'Italia
La portavoce Ewa Moncure parla oggi con la Stampa e sottoline ache Triton è una missione italiana, guidata dalla Guardia Costiera italiana, con ufficiali italiani su tutte le navi e tutti gli elicotteri, con gli italiani che decidono come smistare le imbarcazioni. Fare entrare altri Paesi è teoricamente possibile ma praticamente difficile. 

La missione "ombra" dei pentastellati
Parallelamente alla missione di Minniti a Varsavia, il Movimento 5 Stelle ne farà un'altra a Bruxelles, sempre con obiettivo Frontex: il deputato M5S Luigi Di Maio è partito per Bruxelles dove domani incontrerà il capo dell'agenzia, il francese Fabrice Leggeri e a seguire incontrerà Marco Bertotto di Medici Senza Frontiere. L'obiettivo è chiaro, ha detto Di Maio, capire se Frontex "è una missione che sta dando un aiuto all’Italia o sta facendo gli interessi dei Paesi europei che ci hanno abbandonato".