Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-399bae0e-6ca0-4a5a-8c3d-710e746d11a6.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Nel '98 aveva assassinato la sua fidanzata

Uccide con un'accetta il compagno di stanza

Un banale litigio ha scatenato la furia omicida di un uomo in una casa famiglia a Massa e Cozzile, vicino Pistoia

Condividi
di Pistoia
Un banale litigio ha scatenato la furia omicida di un uomo che con un'accetta ha ucciso il compagno di stanza.

E’ successo la notte scorsa in una casa famiglia a Massa e Cozzile, in provincia di Pistoia, dove Gianluca Lotti, 38 anni, ha assassinato la persona che condivideva con lui la stanza.  
 
I primi ad intervenire sono stati gli addetti della struttura che sono riusciti a bloccare l'omicida prima dell'intervento della polizia.
 
Nel '98 aveva ucciso la fidanzata
L'omicida nel 1998, all'eta di 22 anni, aveva ucciso la fidanzata a Pistoia. La giovane, Silvia Gianni, 20 anni, venne colpita con un bastone e finita con una trivella. A Lotti fu riconosciuta, in primo grado, la seminfermità mentale e venne condannato a 24 anni di carcere. I primi otto anni li ha scontati nell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino, poi era stato trasferito nel carcere di Prato. A metà dello scorso mese di
ottobre Lotti era stato ammesso alla misura di sicurezza non detentiva in libertà vigilata. Ora, 
dopo la confessione dell'omicidio, Gianluca Lotti si trova rinchiuso nel carcere di Pistoia.