Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-3b9c9847-bd49-442b-84cb-557abe8bd5e2.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Le previsioni indicano un miglioramento da domani

Maltempo: allerta piene in Emilia. Secchia osservato speciale

Riaprono ponti ma restano allerta rossa e monitoraggi. La piena del Secchia è passata durante la notte con livelli al di sotto delle previsioni
 

Condividi
Resterà attiva fino alla mezzanotte di oggi l'allerta meteo in Emilia-Romagna per le piene dei fiumi su tutto il territorio regionale, in particolare nel Modenese e nel Reggiano dove il Secchia e il Panaro restano sorvegliati speciali. Nella serata di ieri è stata riaperta in provincia di Modena la strada Curtatona, riaperti anche il ponte di Navicello vecchio e quello di San Martino in Secchia mentre sono proseguite le chiusure di ponte Alto e ponte dell'Uccellino a scopo precauzionale. I rinforzi della Protezione Civile giunti da varie regioni italiane resteranno a disposizione fino alle mezzanotte di oggi.
 
L'ultimo bollettino emesso sulla portata delle piene riporta un livello in decremento per il bacino dell'Enza che si è attestato a 8,45 metri, mentre per il Secchia si prevede un picco massimo di 10,15 metri in queste ore. Il completo deflusso della piena si avrà in giornata. Dopo ore di intense piogge su tutto il territorio regionale, le previsioni indicano un miglioramento a partire da domani. In Romagna intanto la diga di Ridracoli continua la sua tracimazione, il livello dell'invaso si attesta a 557,38 metri sul livello del mare.
 
"Le alluvioni sono sempre più frequenti ed oltre a creare danni mettono a rischio la incolumità delle persone. Gli 'interventi tampone che vengono continuamente approvati non sono sufficienti a porre fine all'emergenza". Lo dice Marzio Pecci, capogruppo della Lega in consiglio provinciale a Rimini, che chiede alla regione Emilia-Romagna lo stanziamento di fondi per mettere in sicurezza la Valmarecchia, la Valventena e la Valconca dopo le recenti criticità derivate dal maltempo.