Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-3c79eed6-fca3-4afa-81d4-82b33330ce8d.html | rainews/live/ | true
MONDO

Al proprietario dell'emittente non piace l'intervista

Egitto, giornalista cacciata in diretta: al proprietario della tv non piace l'ospite

Durante una telefonata per un'intervista, il proprietario dell'emittente Faraeen chiama la conduttrice e le urla di vergognarsi. Poi le intima di andarsene

Condividi
Rana al-Duwaik
"Perché lo stai ancora intervistando? Vattene e impara". Sono le parole del proprietario di una tv egiziana, urlate in diretta a una giornalista che è stata costretta a interrompere la sua trasmissione.

È accaduto a Rana al-Duwaik, ora al centro di un caso di cui molto si discute sui social network. La giornalista stava intervistando un esperto sulla decisione della magistratura di mettere al bando il Movimento '6 Aprile', protagonista della rivoluzione del 25 gennaio 2011 in Egitto contro il regime di Hosni Mubarak, con l'accusa di svolgere operazioni di spionaggio a favore di governi stranieri.

Il proprietario di Faraeen, Tawfiq Okasha si è indispettito. E così l'ha chiamata in diretta, invitandola a chiudere subito la trasmissione. La giornalista Duwaik è rimasta in silenzio, allibita, per alcuni istanti, prima di salutare il pubblico. 



Okasha è noto per la sua posizione ostile nei confronti della rivoluzione contro Mubarak. Dopo le elezioni presidenziali del 2012 ha detto che Washington e la giunta militare al potere in Egitto avevano truccato i risultati a favore del candidato dei Fratelli Musulmani, Mohamed Morsi, nell'ambito di un "complotto" per cedere i giacimenti di petrolio egiziani a Israele. 



L'intervento del proprietario tv ha suscitato la reazione sdegnata di numerosi blogger su Twitter. "Un disastro storico, in diretta tv", ha scritto uno degli utenti associando il link dello spezzone di trasmissione incriminato. "Devo capire, cosa ha fatto la presentatrice?" domanda un altro, mentre su YouTube girano commenti più sarcastici: "La giornalista si merita questo perchè ha accettato di lavorare per la tv di un pazzo".