Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-3cf8e00f-26e3-42bb-9836-7fd877709d8b.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Terrorismo

Morta la madre della presunta jihadista 'Fatima', ieri aveva ottenuto arresti domiciliari

La donna e il marito erano detenuti da oltre tre mesi con l'accusa di essere pronti a partire per la Siria per unirsi all'Isis assieme alla figlia

Condividi
Assunta Buonfiglio, la madre della presunta jihadista italiana Maria Giulia 'Fatima' Sergio, è morta la scorsa notte all'ospedale di Vigevano (Pavia). La donna, arrestata insieme al marito lo scorso primo luglio in un'indagine del pool antiterrorismo di Milano, aveva saputo proprio ieri della sua scarcerazione da parte del gip, mentre si trovava ricoverata da qualche giorno in ospedale a seguito di un intervento chirurgico. La scorsa notte la donna è deceduta.

Ieri il gip di Milano Ambrogio Moccia aveva disposto la scarcerazione della donna e del marito, entrambi detenuti da oltre tre mesi con l'accusa di essere pronti a partire per la Siria per unirsi all'Isis assieme alla figlia, che si troverebbe ancora nel paese mediorientale. Da quanto si è saputo, la madre di Fatima, dopo essere stata trasferita dal carcere milanese di San Vittore a quello di Vigevano, circa una settimana fa era stata ricoverata in ospedale e sottoposta ad un intervento chirurgico. La scorsa notte è morta.

Gli inquirenti di Pavia stanno facendo alcuni accertamenti sul decesso. Proprio ieri il giudice per le indagini preliminari Ambrogio Moccia ne aveva disposto la scarcerazione. La donna era ricoverata a Vigevano per qualche giorno, in
seguito a un intervento chirugico.