Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-3d26e050-cec9-4af1-a0ec-f0647093cbde.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Mercati

Attesa per i verbali della Fed, in Germania bond a 30 anni con rendimento negativo

Condividi
di Fabrizio Patti
Pochi scambi in attesa degli indizi sulle prossime mosse della banca centrale statunitense, che arriveranno nel primo pomeriggio dalle "minute" della riunione della Fed di fine luglio. A metà seduta l'indice Ftse Mib di Borsa italiana segna +0,35%, poco meglio di Francoforte, +0,24%, mentre sono attorno alla parità gli indici di borsa di Parigi e Francoforte. 

Sono in lieve rialzo anche i futures che anticipano l'apertura di Wall Street. Ieri due indici, l'S&P 500 e il Nasdaq, toccare i rispettivi record storici. E' soprattutto l'effetto dell'azione delle banche centrali e degli stimoli fiscali. E tra i catalizzatori dell'attenzione degli investitori internazionali ci sono i colloqui tra Democratici e Repubblicani su un nuovo round di sostegno all'economia statunitense. 
Oggi petrolio in calo: -1% per il Wti americano (a quota 46,46 dollari), -0,77% per il Brent del Mare del Nord. Oggi è in programma una riunione dell'Opec+ e alle 16.30 saranno diffusi i dati sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti. 
La risalita degli ultimi due giorni cambia verso l'oro, ora 1990 dollari all'oncia, comunque su valori vicini ai massimi storici toccati lo scorso 7 agosto.
Oggi stabile l'euro/dollaro, a quota 1,1936, dopo il superamento ieri della soglia di 1,19. 
Sul fronte dei titoli di Stato, scendono di tre punti base i rendimenti sia del Btp italiano che del Bund tedesco. Lo spread è stabile a 146 punti base. Oggi  in Germania la Bundesbank ha collocato 1,249 miliardi di euro di titoli di Stato con scadenza trentennale: il tasso medio è stato negativo: -0,05%. 
A Piazza Affari oggi maggiori rialzi per Diasorin (+2,2%), Mediobanca (+1,6&) e Amplifon (+1,5%). Maggiori ribassi per Tenaris (-1,9%), Saipem (-1,7%) e Unipol (-1%).