Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-6b1c30aa-f09f-4e3d-87ab-f78d9dc721c1.html | rainews/live/ | true
SCIENZA

Il riscaldamento climatico mette a rischio i Giochi Olimpici invernali

Quando il "circo bianco" non ci sarà più

Uno studio sull'andamento climatico delle località ospitanti i Giochi Invernali dal 1924 a oggi lancia l'allarme

Condividi
di Stefano Lamorgese
Alla fine del XXI secolo - il nostro - soltanto sei località, tra le 19 che hanno ospitato almeno un'edizione delle Olimpiadi invernali, avranno ancora il clima adatto per ospitarne un'altra. La causa, è ovvio, è il riscaldamento climatico globale.

A dire il vero: secondo le proiezioni più prudenti sull'andamento del clima terrestre, le città che potranno permettersi un "bis" sarebbero 8 su 19. Ma la sostanza non cambia: non si potrà più sciare là dove si è a lungo sciato, secondo un recente studio condotto dalla University of Waterloo (in Canada) e dal Management Center di Innsbruck (in Austria).

La ricerca - "The future of the winter Olympics in a warmer world" - mostra che molte località sciistiche molto note - la Squaw Valley negli USA, Garmisch-Partenkirchen in Germania, Vancouver in Canada e la stessa Sochi, in Russia, che sta per ospitare l'edizione 2014 dei Giochi Olimpici invernali - verso la metà del XXI secolo non saranno più adatte per far correre gli sci.

I dati
La temperatura media del giorno rilevata nelle località delle Olimpiadi invernali è il primo segnale d'allarme. Se tra gli anni 1920-1950 era di 0,4°C, tra il 1960 e il 1990 era salita a 3,1°C. E infine, nelle edizioni del nuovo millennio, è stata pari a 7,8°C. Una crescita di oltre sette gradi in novant'anni!

Le località
Secondo gli scenari più inquietanti, in Italia, Torino, sede dei Giochi invernali nel 2006, sarà impraticabile, mentre Cortina d'Ampezzo (sede nel 1956), rimarrebbe abbastanza fredda per una replica. Sarebbero comunque escluse località che anche nell'immaginario collettivo sono vestite dall'inverno più bianco: Oslo (1952), per esempio, e - sulle Alpi - Chamonix (1924) e Grenoble (1968). 

Sarebbero proprio le Alpi, nel loro versante settentrionale, a riscaldarsi a tal punto da perdere l'identità di località sciistiche: anche Garmisch, in Baviera, si sarà "sciolta al sole".