Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-6ce1c27e-539c-4339-9d40-ce8279ae0393.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Agenzia delle Entrate Riscossione

Fisco: 4 milioni di cartelle per rottamazione, per 700 mila rata scade a luglio

Circa 700 mila cartelle (pari al 16% del totale) sono riferibili a debiti iscritti a ruolo tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2017 per i quali il termine del pagamento della prima rata scade il prossimo 31 luglio

Condividi
Sono oltre 4 milioni le cartelle per le quali i contribuenti hanno chiesto l'adesione alla definizione agevolata (rottamazione bis) prevista dal decreto legge n. 148/2017 convertito con modificazioni dalla legge n. 172/2017. Circa 700 mila cartelle (pari al 16% del totale) sono riferibili a debiti iscritti a ruolo tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2017 per i quali il termine del pagamento della prima rata scade il prossimo 31 luglio.

I contribuenti hanno richiesto la Definizione agevolata (DL 148/2017) per un numero di cartelle pari a 4 milioni 460 mila. Di queste, circa 714 mila cartelle sono riferibili a debiti iscritti a ruolo nel periodo che va dal 1° gennaio al 30 settembre 2017 per i quali la legge prevede la possibilità di pagare in un'unica rata oppure fino ad un massimo di 5. Il 14% (circa 100 mila cartelle) è contenuto in piani di pagamento che prevedono un'unica rata, il 76% (circa 542 mila) riguarda piani di pagamento in 5 rate e il restante 10% (circa 72 mila) tra 2 e 4 rate.

La Relazione Tecnica che ha accompagnato la conversione in legge del DL n. 148/2017 contiene la previsione di incasso pari a 2,070 miliardi di euro, di cui 1,656 miliardi di euro nel 2018 e 414 milioni di euro nel 2019.