Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-6d344fe1-7b5c-4186-a4f7-b81362b5ffc8.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Legge di stabilità

Padoan ottimista sulla manovra: "Mi aspetto che Bruxelles capisca"

Il ministro dell'Economia intervistato dal Financial Times: "La nostra filosofia è un consolidamento per la crescita"

Condividi
Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, si aspetta "luce verde" dalla Commissione Ue alla legge di stabilità italiana: "Mi aspetto che capisca e apprezzi la filosofia complessiva" della politica economica basata "su un consolidamento pro-crescita", dice Padoan al Financial Times, citando i progressi verso i target e le riforme. L'Ue utilizza una metodologia "incerta" per misurare il differenziale fra crescita effettiva e potenziale, che per l'Italia è al 3,5%: con i numeri dell'Ocse (5,1%) "l'Italia sarebbe in surplus strutturale". Un dato, dice Padoan, "su cui non si scherza, tocca le vite dei cittadini". L'Europa "deve rendersi conto che sta correndo un grosso rischio di rallentare di nuovo". E vale anche per la Germania, che "sta cominciando a capire che non sono immuni al possibile impatto negativo di una nuova frenata".

"Certamente raccomanderei di cercare di fare tutti il possibile per accelerare la velocità verso il 2%, dice il ministro, rispondendo a una domanda su che cosa dovrebbe fare la Banca centrale europea, riferendosi all'obiettivo d'inflazione della Bce. "Di solito, se ci sono proteste contro una riforma significa che la riforma avrà impatto, altrimenti non ci sarebbero proteste". Padoan ha anche aggiunto che il governo è "molto determinato" ad avere una nuova legge per l'inizio del 2015.