Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-6ee3da37-4f35-45cb-b303-5b6aa1c7bbe2.html | rainews/live/ | true
SPORT

Partite d'andata dei sedicesimi

Europa League. Pari 1-1 Galatasaray-Lazio e Fiorentina-Tottenham. Il Villarreal supera 1-0 il Napoli

A Istanbul botta e risposta fra Sarioglu e Milinkovic-Savic in apertura di gara. La bella punizione di Suarez condanna i partenopei. I viola rimontano nella ripresa con la prodezza balistica di Bernardeschi il rigore di Chadli nel primo tempo.

Condividi
La Lazio sorride, la Fiorentina e il Napoli masticano amaro. E' l'esito della serata di andata dei sedicesimi di Europa League. I Capitolini ottengono un pari prezioso in casa del Galatasaray, un 1-1 che fa guardare con ottimismo alla gara di ritorno. E' 1-1 anche per la Fiorentina col Tottenham, ma al 'Franchi'. Un risultato che consegna un po' di vantaggio agli inglesi. I partenopei, in Spagna, invece subiscono nel finale il gol che regala la vittoria al Villarreal e devono prepararsi alla rimonta al 'San Paolo'.

Galatasaray-Lazio 1-1
Lutto al braccio per entrambe le squadre e un minuto di raccoglimento per commemorare le vittime dell'attentato di Ankara. Pioli spavaldo col 4-3-3, con Lulic spostato in avanti al fianco di Matri e Felipe Anderson. Fra i turchi le vecchie conoscenze del calcio italiano Sneijder, Podolski e Muslera (quest'ultimo ex proprio dei biancocelesti). Lazio volitiva in avvio, ma bruciata al 12': imbucata di Inan, perfetto aggancio di Donk che serve a Sarioglu il più comodo dei palloni da trasformare nel vantaggio. L'incidente non scompone gli uomini di Pioli. Parolo viene fermato in area e Muslera riesce ad anticipare Matri. Lo stesso Matri, servito da Lulic, si fa rimontare da Denayer. E al 21' arriva il pari: punizione dalla fascia di Biglia e perfetta torsione di testa di Milinkovic-Savic che piega la mano a Muslera. Dopo la mezz'ora Muslera è prodigioso sul colpo di testa ravvicinato di Mauricio (su corner). E poi ha il riflesso giusto sulla botta da fuori di Parolo, vista partire in ritardo. Più compassata la ripresa. L'incursione di Matri spaventa la difesa giallorossa, Milinkovic-Savic arriva tardi per la deviazione. Pioli dà spazio a Klose (esce Matri). Donk impegna a terra Marchetti con un rasoterra dai 25 metri. La Lazio sciupa con pessime scelte di passaggio un paio di situazioni potenzialmente favorevoli. Milinkovic-Savic sovrasta di testa il marcatore ma non trova la porta. Candreva (entrato nella ripresa) va in slalom e ci prova senza sorprendere Muslera. A 5' dal termine Milinkovic-Savic si ritrova fra i piedi un pallone ghiottissimo, il suo piatto è debole e non sorprende il portiere. Al penultimo minuto Umut Bulut alza di poco di testa il traversone di Denayer. E' l'ultimo brivido. Fra una settimana all'Olimpico il ritorno, con ottime chance di agguantare gli ottavi.

Villarreal-Napoli 1-0
Sarri fa turnover con Chiriches e Strinic in difesa, Valdifiori e David Lopez a centrocampo, Mertens e Gabbiadini in attacco. Il primo brivido lo 'regala' Reina: rinvio sbagliato dopo un'uscita laterale e recupero lampo sulla conclusione dalla distanza di Soldado. I gialli fanno qualcosa di più, ma il match non decolla per tutto il primo tempo. Più vivace la ripresa, col Napoli che si sveglia intorno al quarto d'ora. Prima Callejon non trova di pochissimo il bersaglio in diagonale. Poi rapido contropiede, col tiro di Gabbiadini respinto da Areola; lo stesso Gabbiadini raccoglie e ci riprova ma viene murato da un difensore. Infine, Valdifiori vede il movimento di Callejon, tuffo di testa e palla sull'esterno della rete. Il Villarreal si rivede con Suarez e Mario che impegnano Reina dalla distanza. Entra Higuain per Gabbiadini, ma il 'pipita' non ha il tempo di incidere. Punizione dal limite (82') con Suarez che trova a giro la faccia inferiore della traversa e il gol. Il Napoli non ne ha per reagire (inutile l'ingresso di Insigne per Callejon), il Villarreal ha un'altra grossa occasione con Bruno che sciupa l'invito di Castillejo. La settimana prossima al 'San Paolo' la squadra di Sarri dovrà rimontare.

Fiorentina-Tottenham 1-1
Ilicic dietro Zarate, Bernardeschi largo a destra, Blaszczykowsky e Tino Costa dal 1' minuto. Queste le scelte di Paulo Sousa. Pochettino lascia in panchina Lamela e Harry Kane, Chadli è punta unica. I viola non partono bene e il Tottenham non fa fatica a imporre il suo gioco, soffocando ogni iniziativa avversaria. Tatarusanu alza in corner una botta di Eriksen dalla media distanza. Alla mezz'ora grande occasione per la Fiorentina, col cross di Ilicic e il doppio tentativo di Bernardeschi e Zarate. Intervento inopportuno e in ritardo di Tomovic sull'incursione di Davies, rigore per gli ospiti. Dal dischetto va Chadli (37') e non sbaglia. Prima dell'intervallo Zarate spara alto da ottima posizione. Buona Fiorentina nella ripresa. Botta e risposta Zarate-Chadli, con i due portieri protagonisti nel negare il gol. Il pari arriva al 59' con la sventola di Bernardeschi dai 30 metri. Paulo Sousa inserisce Kalinic e Bedelj (fuori Kuba e uno spento Ilicic), Zarate diventa imprendibile per i difensori inglesi. Marcos Alonso ci prova di destro, alto. Vecino costringe Vorm alla parata in due tempi. Entra Kane, ma il Tottenham continua a non venire più fuori. Negli ultimi minuti destro potente di Zarate, respinto da Vorm, e soprattutto, su cross di Bernardeschi, colpo di testa di Gonzalo Rodriguez di un niente a lato. La Fiorentina rimpiange il primo tempo buttato via, a White Hart Lane la settimana prossima sarà dura.