Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-700b3dd1-9fac-41df-8e09-6aefbbdc7e70.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Telefonia mobile

5G, in Cina ad aprile record di nuovi abbonamenti: +17 milioni

Nonostante l'epidemia da coronavirus, in Cina non si arresta l'avanzata del piano per le reti per la telefonia di quinta generazione, che già raggiungono 65,4 milioni di utenti nel Paese

Condividi
Nel mese di aprile, due tra i principali operatori di telefonia mobile cinesi, China Mobile e China Telecom raccolto oltre 17 milioni di nuovi  abbonamenti al 5G ad aprile, portando il totale complessivo nel Paese a 65,45 milioni, a sei mesi dall'introduzione del servizio, rileva Mobile World.

I tre principali operatori di telefonia mobile della Cina avevano infatti lanciato ufficialmente il servizio 5G a fine ottobre 2019 in 50 città, cinque mesi dopo che il governo di Pechino aveva assegnato le licenze.

Il leader del mercato resta China Mobile, che ha aggiunto 12,02 milioni di utenti alla rete mobile di quinta generazione, per un totale di 43,7 milioni. Ad aprile ha registrato un guadagno netto di 432.000 abbonati mobili per un totale di 946,7 milioni.

China Telecom ha aggiunto 5,09 milioni di abbonati al  5G nello stesso periodo, per un totale di 21,7 milioni di utenze. L'incremento netto è stato di 1,97 milioni, che hanno portato la base di utenti complessiva a 338,5 milioni.

Mancano comunque i dati relativi a China Unicom, terza azienda Tlc del Paese, che non ha diffuso il numero di abbonati al 5G ad aprile né nei primi tre mesi del 2020.

Il vice presidente di China Mobile, Jian Qin,  ha dichiarato di voler arrivare ai 100 milioni di abbonati alle reti 5G entro la fine dell'anno e di aver installato 124.000 centraline compatibili in 56 città, che diventeranno 300.000 entro la fine dell'anno.