Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-71d85669-c63d-496f-9a90-cb39b82819fd.html | rainews/live/ | true
MONDO

Il ministro Franceschini: "Campagna contro la legge, da sospendere subito"

David di Michelangelo col fucile da guerra, scoppia lo scandalo in Usa e in Italia

L'azienda americana Illinois Arma Lite utilizza l'immagine della celebre opera di Michelangelo Buonarroti per pubblicizzare un fucile tattico da oltre tremila dollari, senza richiedere permessi.  Da Firenze la replica: "La valenza estetica non può essere snaturata". E dal polo Museale parte una diffida all'utilizzo

Condividi
Il simbolo della bellezza maschile, il simbolo di Firenze nel mondo, un capolavoro del 1550 con in braccio un fucile da oltre tremila dollari. L'insolita versione del David di Michelangelo proposta dalla società americana Illinois Arma Lite desta polemiche.

L'opera di Michelangelo è coperta da diritti e l'utilizzo dell'immagine a fini pubblicitari è subordinato ad un permesso rilasciato dallo Stato.  L'azienda statunitense non ha chiesto alcuna autorizzazione per utilizzare il David per pubblicizzare un proprio fucile. L'immagine della violenza e delle armi poi non è accostabile a quella della bellezza. Angelo Tartuferi - direttore della Galleria dell'Accademia, che accoglie il David dal 1873 - lo dice espressamente: "Oltre che ad un atto illecito, siamo di fronte ad un atto di cattivo gusto. La valenza estetica dell'opera non può essere snaturata". Così la soprintendente al polo museale fiorentino Cristina Acidini annuncia la diffida alla Illinois Arma Lite ad utilizzare ancora l'immagine del David.

Lo stop di Franceschini: "Campagna da sospendere"
Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini interviene con un tweet: "L'immagine pubblicitaria del David armato offende e viola la legge. Agiremo contro l'azienda
americana che deve ritirare subito la campagna".