Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-a28232f2-7df0-4bcf-99c5-aa524ae0b55a.html | rainews/live/ | true
MONDO

Abe: vergognosa l'uccisione del pilota giordano

Condividi
Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha detto di essere profondamente adirato per la vergognosa "uccisione" del pilota giordano Mouath al-Kasaesbeh, che secondo un video diffuso ieri sarebbe stato apparentemente bruciato vivo dai militanti dello 'Stato islamico'. Abe ha ribadito la determinazione del Giappone a non cedere al terrorismo. Il filmato circolato ieri su internet sembra mostrare il pilota giordano, che era stato catturato dai militanti, mentre viene bruciato vivo in una gabbia. "Avverto un fonte sentimento di rabbia e di sdegno, sentendo che il pilota giordano Mouath al-Kasaesbeh è stato orrendamente bruciato vivo", ha detto Abe in Parlamento. 

"Questo è un vergognoso atto di violenza e io lo condanno fortemente e irremovibilmente", ha aggiunto. Il Giappone è in lutto per i suoi due cittadini uccisi dai militanti negli ultimi giorni. Il gruppo dello 'Stato islamico' domenica scorsa ha reso noto di aver decapitato il giornalista Kenji Goto, dopo il fallimento dei tentativi internazionali, in collaborazione con la Giordania, di ottenere il suo rilascio tramite uno scambio di prigionieri. I militanti una settimana prima avevano ucciso un altro ostaggio nipponico, Haruna Yukawa. 

Abe ha detto di partecipare al dolore della Giordania e ha espresso la sua comprensione per il governo e per la popolazione. Il premier ha affermato che aumentera il sostegno umanitario di Tokyo per Amman. "Il Giappone non si inchinera al terrorismo. Sono determinato ad adempiere ai miei impegni per combattere il terrorismo collaborando con la comunita internazionale ed espandendo il lavoro umanitario", ha detto.