Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-a3f76c95-4c10-436a-84ef-c5615091a7dd.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Tra le accuse l'associazione di tipo mafioso

'Ndrangheta e appalti per Expo 2015, 13 arresti tra Lombardia e Calabria

Carabinieri in azione all'alba su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Milano. Secondo gli inquirenti, gli indagati facevano parte di due gruppi radicati nel tessuto economico lombardo e avevano contatti con politici milanesi

Condividi
Milano
Operazione dei carabinieri all'alba tra Lombardia e Calabria. Su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Milano, sono stati eseguiti 13 arresti nei confronti di altrettanti indagati per associazione di tipo mafioso. L'indagine è diretta dal procuratore aggiunto di Milano Ilda Boccassini. 

Expo nel mirino
Al centro delle indagini del Ros dei carabinieri ci sono due presunti gruppi della 'ndrangheta radicati nel Comasco e con infiltrazioni nel tessuto economico lombardo. Accertati, secondo le indagini, gli interessi delle cosche in speculazioni immobiliari e in subappalti di grandi opere connesse ad Expo 2015.

Arresti in Lombardia e Calabria
Gli arresti sono stati eseguiti nelle province di Milano, Como, Monza-Brianza, Vibo Valentia e Reggio Calabria. I 13 indagati sono accusati di associazione di tipo mafioso, detenzione e porto abusivo di armi, intestazione fittizia di beni, reimpiego di denaro di provenienza illecita, abuso d'ufficio, favoreggiamento, minacce e danneggiamento mediante incendio.

Per l'accusa contatti con politica e istituzioni
Secondo l'accusa, gli arrestati avevano contatti con esponenti del mondo politico, istituzionale, imprenditoriale e bancario da cui ottenevano vantaggi, notizie riservate e finanziamenti. In particolare avrebbero avuto rapporti con un agente di polizia penitenziaria, con un funzionario dell'Agenzia delle Entrate, con un imprenditore immobiliare attivo anche nel mondo bancario e con dei consiglieri comunali di Comuni nel Milanese.