Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-a4b7c76e-d019-44d4-9ecf-d10b43250b89.html | rainews/live/ | true
MONDO

Ministro della salute:solo una vittima da identificare

Strage Nizza. Farnesina: alcuni italiani rintracciati

Per completare i riconoscimenti delle vittime, ci vorrà ancora del tempo. Come spiega anche il capo dell'unità di crisi della Farnesina, Claudio Taffuri, le autorità francesi confermano le identità delle salme solo dopo aver effettuato un test del Dna

Condividi
Alcuni italiani - che erano nella lista dei dispersi dopo l'attentato di Nizza, in Francia - sarebbero stati rintracciati. Lo riferisce la Farnesina, che però specifica che in questo momento "gli accertamenti sono molto delicati, l'attenzione è altissima e l'unità di crisi pienamente al lavoro". Non sono stati aggiunti altri dettagli.

Alcuni riconoscimenti, arrivati ben più di 24 ore dopo la strage francese del 14 luglio, riaccendono i cuori delle famiglie italiane. E' accaduto per i parenti di alcune vittime, fortunatamente solo ferite, del Cuneese. Ma, più in generale, non ci sono certezze sul numero esatto degli italiani coinvolti nella strage che ha insanguinato il Boulevard des Anglais, lo scorso giovedì sera, a Nizza. In mattinata è stato diffuso un numero sui possibili dispersi nostri connazionali, che sarebbero 31.

Tale cifra è stata però considerata poco attendibile dalla stessa console d'Italia a Nizza, Serena Lippi. "La situazione è complessa, la cifra mi sembra poco attendibile, abbiamo vari aggiornamenti con aggiunte in positivo e negativo - spiega la rappresentante dello Stato italiano - Incrociamo tre liste: Farnesina, ambasciata e la nostra. Abbiamo avuto molti ritrovamenti nelle ultime ore, è tutto molto fluido: la lista ufficiale delle vittime sarà data nei prossimi giorni per il test del Dna. Il lavoro è difficile, siamo molto rispettosi per il lavoro delle autorità francesi".

Il primo ferito di cui si sono avute notizie, due giorni fa, è Andrea Avagnina, 53 anni, responsabile di un'edicola e consigliere comunale. Ieri è stata ritrovata sua moglie, Marinella Ravotti, infermiera. Lo annuncia il fidanzato della figlia, Marcello De Giorgi, su Twitter: "Finalmente abbiamo ritrovato Andrea e Marina, grazie a tutti per l'aiuto". La donna sarebbe ricoverata all'ospedale Pasteur con il marito.

Non si hanno ancora notizie, invece, della coppia di Voghera composta da Angelo D'Agostino, 71 anni, e Gianna Muset, di 68. Roberta Capelli, la nuora dei due pensionati, ha scritto su Twitter: "Non abbiamo ancora notizie di Angelo D'Agostino e Muset Gianna. In ospedale tra i coscienti o con documenti non ci sono". D'Agostino era andato con la moglie in Costa Azzurra per festeggiare la pensione. Un altro ferito italiano è Gaetano Moscato, nonno-eroe cui hanno dovuto amputare una gamba perché si è gettato per salvare la sua nipote. Proprio la sua nipote, Matilde, di 14 anni, è un'altra dei feriti. Per il momento purtroppo è ancora dispersa la mamma di Matilde, Carla Gaveglio di Piasco, irreperibile dalla notte del 14 luglio. "Non ho nessuna notizia di mia moglie - ha detto il marito, Piero Massardi -. Mia figlia Matilde sta relativamente bene, io ora sono in reparto con lei e questo mi basta".

Sospiro di sollievo: rintracciata la famiglia italiana di origine ebraica 
Si trovano a Londra Salvatore Sal Sermoneta, sua moglie Wioletta Podpora e la figlioletta Siead. che si pensava fossero dispersi a Nizza. A dare l'allarme era stato il nipote che non li sentiva dalla notte dell'attentato.  

Per completare i riconoscimenti delle vittime, ci vorrà ancora del tempo. Come spiega anche il capo dell'unità di crisi della Farnesina, Claudio Taffuri, le autorità francesi confermano le identità delle salme solo dopo aver effettuato un test del Dna. Solo a quel punto lo trasmettono alle controparti italiane. Questo spiega la lentezza nell'avere informazioni precise. Ciò che è certo, per il momento, è ci sono quattro feriti italiani ricoverati all'ospedale Pasteur di Nizza.

Ministro della Sanità: manca solo una vittima da identificare
Manca solo una vittima da identificare delle 84 persone uccise nella strage del 14 luglio. Loi ha detto il ministro francese della Sanità Marisol Touraine precisando che "l'ospedale Pasteur ha tutto gli elementi per procedere all'identificazione". Il ministro ha precisato anche che "queste operazioni competono al miistro della giustizia".