Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-abb833cf-b4fb-4aec-93ba-cfbf81fa956b.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Le parole del neo segretario leghista

Salvini: "Guerriglia contro indulto e amnistia"

Il commento di Maroni: "Sono contento che i militanti abbiano scelto Salvini che è un gran lavoratore, ha entusiasmo e sa trascinare"

Condividi
Matteo Salvini
Milano
"La prima guerriglia parlamentare che faremo sarà contro ogni ipotesi di indulto e amnistia", a dirlo il neo segretario leghista Matteo Salvini a Radio Padania. "Prima di occuparsi delle condizioni disumane dei carcerati - ha aggiunto - bisogna occuparsi delle condizioni disumane in cui versano le imprese che chiudono e chi è senza lavoro". Tra gli altri provvedimenti, "il primo ente inutile che mi piacerebbe sopprimere è quello delle prefetture e dei prefetti. Sono inutili. Piuttosto che le province, cancelliamo qualche ente statale". Ha poi affermato: "La mia prima telefonata è stata a Bossi, io gli ho fatto gli auguri lui mi ha fatto i complimenti". "Con Bossi ci vediamo nei prossimi giorni il suo fiuto per la Lega sarà sempre fondamentale".

Maroni
"Sono contento che i militanti abbiano scelto Salvini che è un gran lavoratore, ha entusiasmo e sa trascinare": lo ha detto il segretario uscente della Lega, Roberto Maroni a Radio Padania. "E Matteo - ha aggiunto - è partito subito col piede giusto, con quel che ha detto sull' euro e sull' Europa". "