Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-ac857efd-b89f-49cb-80b6-65fdc3ab8100.html | rainews/live/ | true
MONDO

Intere contee devastate

La California brucia: 36 morti,danni ambientali enormi.A San Francisco aria inquinata come a Pechino

Bruciati 85.000 ettari di territorio, 3.500 case ridotte in cenere. A San Francisco, in soli due giorni,  quantità di polveri sottili pari a quante ne generano in un anno i 35 milioni di veicoli sulle strade di tutto il Golden State

Condividi



Continua la lotta dei vigili del fuoco contro gli incendi che da domenica stanno devastando le contee di Sonoma e di Napa, nel Nord della California, note in particolare per la viticoltura. Il vento che li ha alimentati per giorni sembra essere scemato, dando un po' di tregua in alcune aree della regione: in totale i 15 incendi hanno bruciato 85.000 ettari di territorio, uccidendo 36 persone e incenerendo 3.500 case.

A San Francisco "aria inquinata come a Pechino"
Ed è scattato l'allarme anche per un gravissimo disastro ambientale a causa dell'inquinamento. Da quando gli incendi si sono sviluppati, la regione è stata investita per diversi giorni consecutivi da ondate di fumo denso, che stanno creando la peggiore qualità dell'aria nella baia di San Francisco mai registrata prima.

La Bay Area, famosa per le severe normative 'verdi', ora ha invece una "qualità dell'aria molto malsana con livelli di inquinamento atmosferico senza precedenti". Pari a quelli di città come Pechino, la capitale cinese tristemente famosa proprio per il suo elevatissimo inquinamento, come ha confermato la Bay Area Air Quality Management District.

"C'è un livello senza precedenti di fumo nell'aria, con particelle che normalmente non vediamo", ha spiegato il portavoce, Ralph Borrmann. Mentre Sean Raffuse, analista presso il Crocker Nuclear Laboratory dell'Università della California, ha dichiarato a Usa Today che gli incendi hanno causato in soli due giorni l'emissione di circa 10 mila tonnellate di polveri sottili Pm 2,5, una quantità pari a quante ne generano in un anno i 35 milioni di veicoli sulle strade di tutto il Golden State.

Molte persone sono state ricoverate al pronto soccorso e per questo le autorità hanno deciso la chiusura delle scuole della zona, chiedendo ai cittadini di indossare le mascherine quando escono in strada. Cancellati anche diversi eventi in programma per il weekend, come la mezza maratona e il festival del fitness a San Francisco, l'Oktoberfest a Walnut Creek. E la Nfl (National Football League) sta monitorando le previsioni per capire se spostare la partita di domenica tra gli Oakland Raiders e i Los Angeles Chargers. Così come i funzionari dell'University of California, Berkeley e Stanford, stanno tenendo d'occhio la qualità dell'aria in previsione delle partite del fine settimana.


3.500 case in cenere
Oltre al numero delle vittime, che potrebbe salire ancora visto che ci sono centinaia di dispersi, continua ad aumentare anche il numero degli edifici distrutti, ormai migliaia (l'ultimo dato parla di 3.500 ma è sicuramente destinato a peggiorare). Una coppia di Santa Rosa, Jan e John Pascoe, si è salvata dalle fiamme nascondendosi per tutta la notte nella piscina dei vicini. I due, rispettivamente 65 e 70 anni, avevano cercato di scappare in macchina ma la strada era ormai un muro di fuoco. Così si sono lanciati nell'acqua gelida, cercando di stare sommersi il più possibile per evitare le macerie che crollavano. Hanno perso tutto, a partire dalla casa dove vivevano da oltre trent'anni, ma sono riusciti a sopravvivere.