Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-dabcceff-0c6b-4521-b745-1334d7b6042e.html | rainews/live/ | true
SALUTE

Sanità

Procreazione, il tribunale di Milano invia la legge alla Consulta

Accolto il ricorso presentato da una coppia fertile ma portatrice di malattia genetica trasmissibile grave che, secondo la norma, non può ricorrere alla pma ne' alla diagnosi genetica preimpianto

Condividi
Legge 40 sulla procreazione assistita (pma) di nuovo a giudizio: il tribunale di Milano ha rinviato nuovamente la legge alla Consulta accogliendo il ricorso presentato da una coppia fertile ma portatrice di malattia genetica trasmissibile grave che, secondo la norma, non può ricorrere alla pma nè alla diagnosi genetica preimpianto.

La legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita 'ha compiuto' da poco 11 anni, (il 10 marzo del 2004 è entrata in vigore) e ad aprile è prevista l'udienza della Corte Costituzionale che dovrà pronunciarsi sul divieto di diagnosi preimpianto per le coppie fertili con patologie genetiche trasmissibili ai figli.

Sottoposta a referendum, la legge 40 è stata uno dei provvedimenti più contestati della storia repubblicana, tanto da essere 'smontata' pezzo pezzo nelle aule di tribunale per ben 33 volte. Da quelli di primo grado fino alla Corte Costituzionale e la Corte europea dei diritti di Strasburgo, i giudici hanno eliminato 4 divieti, tra cui l'ultimo è stato quello di fecondazione eterologa. Ma le battaglie giudiziarie non sono ancora terminate. Come spiega una scheda dell'associazione Luca Coscioni, che ha seguito legalmente diverse coppie in questi anni, è prevista per il 14 aprile infatti l'udienza davanti alla Consulta in cui verrà discussa la legittimità costituzionale del divieto diagnosi preimpianto per le coppie fertili con patologie genetiche trasmissibili ai figli, e si è in attesa di udienza sia presso la Consulta che la Grand Chambre della Corte europea per il divieto di utilizzo degli embrioni per la ricerca scientifica e la revoca del consenso. In questi anni, sono stati eliminati il divieto di produzione di più di tre embrioni e crioconservazione, l'obbligo contemporaneo di impianto di tutti gli embrioni prodotti, il divieto di fecondazione eterologa e di accesso alla diagnosi pre-impianto per le coppie infertili, mentre è rimasto in vigore il divieto di accesso alla fecondazione assistita per i single e le coppie omossesuali.