Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-de662200-6f2c-4fb6-9343-7d2767d6d295.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Sant'Antonio Abate

​Cluster in hotel, è set 'Boss delle Cerimonie'

Mini zona rossa nella cittadina campana in provincia di Napoli. Ad Acerra, 7 casi positivi nella clinica Villa dei fiori

Condividi
Sarebbe partito dall''hotel-castello' la Sonrisa, a Sant'Antonio Abate, il focolaio che ha portato alle disposizioni per una mini zona rossa nella cittadina campana in provincia di Napoli.  Secondo quanto si apprende dal personale, nella struttura - anche set del celebre programma tv 'Il boss delle cerimonie' - sarebbero emersi finora una ventina di casi. A quanto emerge, dopo un primo caso di positività tra i titolari sarebbero stati avviati i tamponi per il personale e i residenti nel complesso. Una volta terminati lo screening e le procedure di sanificazione, la struttura potrebbe riaprire già dal prossimo 25 agosto, data in cui terminerebbe lo stop previsto dall'ordinanza regionale. L'altra struttura ricettiva collegata al focolaio, anch'essa ora temporaneamente chiusa, è  l'hotel 'Villa Palmentiello'.

Chiuse chiese e palestre
Fino al prossimo 25 agosto a Sant'Antonio Abate (Napoli) sono chiusi cimiteri, parchi, chiese, palestre, centri sportivi e biblioteche. Stop al mercato comunale e alle attività dei centri estivi. È inoltre obbligatorio l'utilizzo della mascherine anche in tutte le aree all'aperto del perimetro comunale. È quanto disposto da un'ordinanza firmata dalla sindaca Ilaria Abagnale dopo il focolaio registrato in due hotel del comune.     

I contagiati sono attualmente 27. La mini zona rossa di via Croce Gragnano, intanto, è interamente chiusa al transito ed è stato posizionato un ambulatorio mobile per sottoporre ad analisi medica tutti gli attuali positivi residenti.     

"Invitiamo i restanti residenti a non allontanarsi per alcun motivo dalla zona rossa per recarsi da medici o in ospedali per sottoporsi all'analisi del tampone", dice la sindaca, che da quest'oggi ha attivato un numero Whatsapp 3200174664 per informazioni su tutte le disposizioni vigenti sul territorio. 

Acerra, 7 casi nella clinica Villa dei fiori
"Sia data la massima priorità ai tamponi da fare all'interno della clinica Villa dei fiori a tutela degli operatori sanitari, dei pazienti e della cittadinanza acerrana". È quanto chiede all'azienda sanitaria il sindaco di Acerra (Napoli), Raffaele Lettieri, in seguito alla scoperta di sette casi positivi al coronavirus nella locale clinica Villa dei Fiori, sei dei quali sono medici ed infermieri. L'Asl ha già disposto l'interdizione a tre reparti per consentirne la sanificazione, ed annunciato tamponi per tutto il personale e l'utenza venuta in contatto con i positivi al virus. "È doveroso tutelare tutti, in primis la comunità di Acerra che è stata modello nella fase emergenziale, tanto che ha contenuto al massimo il contagio e che si sta preparando alla riapertura delle scuole. A tale scopo - ha detto -  sia io che i dirigenti ed i dipendenti del comune rimarremo a lavoro anche nel periodo di ferragosto, proprio per consentire l'apertura delle scuole in sicurezza".