Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/ContentItem-df300c64-76dc-46eb-9015-dc336fa3343d.html | rainews/live/ | true
ITALIA

91.129 negozi verificati e 19 attività sospese

Coronavirus, Viminale: 223.633 controlli stradali, oltre 10.000 denunciati

Controlli a tappeto in tutta Italia per chi trasgredisce l'obbligo di restare a casa. Le Forze dell'ordine rivelano giustificazioni spesso fasulle. Il monito del Viminale ai prefetti: stop blocchi trasporti rallentano consegna mascherine e farmaci

Condividi
Sono 223.633 le persone controllate ieri nell'ambito del monitoraggio delle forze di polizia impegnate ad assicurare l'osservanza delle misure di contenimento del coronavirus. In particolare, 9.888  sono state denunciate per inosservanza delle prescrizioni delle autorità e 260 per false dichiarazioni. Quanto agli esercizi commerciali, ne sono stati controllati 91.129: 104 i titolari denunciati e 19 le attività sospese.

Salgono così a 1.650.644 le persone controllate dall'11 al 20 marzo: 70.973 quelle denunciate per mancato rispetto degli ordini dell'autorità, 1.600 per attestazioni false; 834.661 gli esercizi commerciali controllati e 1.977 i titolari denunciati.

Viminale a prefetti: prevenire blocchi trasporti 
Si crea però in queste ore drammatiche un  paradosso che rileva il Viminale: le proteste e conflittualità sindacale nel comparto logistica, trasporti e spedizioni, stanno rallentando "la consegna di prodotti di indispensabile uso" nell'emergenza coronavirus, come farmaci, mascherine, camici. Il Viminale in una direttiva invita dunque, tutti i prefetti ad attivare le "opportune misure di mediazione ovvero di dissuasione, ritenute del caso per prevenire il fenomeno".

La mappa delle trasgressioni alle regole non fa distinzioni geografiche:
Sono 21 le persone denunciate a nel territorio comunale di Vicenza perché sorprese in gruppo o a spostarsi in città senza un valido motivo e un negozio sanzionato perché trovato aperto su un totale di 135 persone, 114 veicoli e 115 esercizi commerciali controllati dalla polizia locale. Sette gli automobilisti deferiti, altre sette persone senza fissa dimora perché formavano assembramento, sei persone, sorprese a bivaccare. I vigili sono poi intervenuti in una palazzina dove era stata segnalata una festa con musica ad alto volume: denunciati il padrone di casa e altre 4 persone presenti alla festa. Da domani saranno in azione i droni della protezione civile comunale.

I carabinieri Misterbianco, in provincia di Catania, hanno denunciato 8 giovani di età compresa tra i 20 ed i 23, sorpresi i giovani mentre erano intenti a svolgere una partita di calcetto.

I carabinieri della stazione di Qualiano e quelli della sezione radiomobile di Giugliano in Campania, in provincia di Napoli ,hanno denunciato 9 persone, tutte maggiorenni, che nonostante i divieti si sono riunite in un'abitazione di via Giulio Cesare a Qualiano per festeggiare un diciottesimo compleanno. La musica ad alto volume ha insospettito alcuni vicini che hanno allertato i Carabinieri.

Dall'11 marzo a ieri, 19 marzo, nel territorio metropolitano di Bari sono state controllate 27.785 persone, delle quali 1.663 denunciate per violazione del decreto sui divieti di assembramento, e altre 17 per false attestazioni o dichiarazioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità. Controllati 1.605 esercizi commerciali, dodici dei quali denunciati e quattro con sospensione dell'attività. 232 le persone denunciate per aver violato le disposizioni in materia di contenimento per la diffusione del Covid19.

La Guardia di Finanza di Brunico ha sorpreso e denunciato 4 giovani mentre bevevano birra e giocavano a calcio a Corvara in Badia, nel parcheggio del palazzetto del ghiaccio, nonostante le norme di legge e i numerosi appelli a restare in casa in tempi di Coronavirus. Stessa sorte è toccata ad un altro gruppo di 4 giovani, residenti a Campo Tures e San Martino in Badia, che sono stati trovati a Brunico presso un distributore di carburanti, seduti a un tavolino, intenti a chiacchierare e fumare.

Sono stati denunciati dai carabinieri di Ischia un uomo di 45 anni e una donna di 29 perché sorpresi a prendere il sole su una spiaggia poco distante dalla caserma. Due donne di 43 e 73 anni, invece, sono state deferite per inosservanza dei provvedimenti dell'autorità dai militari della stazione di Procida. Sono state trovate mentre facevano il bagno nello specchio d'acqua antistante la spiaggia della Chiaia. Ieri pomeriggio gli agenti dell'Ufficio prevenzione generale di Napoli hanno denunciato a via Coroglio un gruppo di donne sulla spiaggia tutte napoletane tra i 60 ed i 44 anni, intente a prendere il sole sulle sdraio che si erano portate da casa, e le hanno denunciate per inottemperanza alle prescrizioni. Sempre ieri a Salerno, sul litorale di Pastena, denunciati diverse persone che prendevano il sole. A Capri sono state denunciate 30 persone su circa mille persone controllate. Gli accertamenti sono eseguiti dalle Forze dell'Ordine che hanno base sull'isola:

I carabinieri li hanno fermati per strada: avevano un borsone con dentro magliette e scarpe e stavano andando a giocare a calcetto. E' accaduto a Belvedere, provincia di Siracusa.  I militari hanno anche denunciato un uomo che al Porto a Siracusa stava pescando con la propria canna da pesca.

Una coppia di ciclisti che stava scalando le colline sopra Pietrasanta, alcuni minorenni in scooter che stavano raggiungendo gli amici, vacanzieri che stavano raggiungendo le seconde case, ma anche persone che hanno accompagnato parenti ed amici dal fornaio quando abitavano a sole poche centinaia di metri, fra i 42 denunciati dalla polizia municipale di Pietrasanta, in Versilia.

Stavano festeggiando la nascita di un bambino il giardino: in 11 sono stati denunciati dai carabinieri della compagnia di Pescara. E' accaduto a Cappelle sul Tavo: amici e parenti sono stati sorpresi a festeggiare all'interno di un'abitazione.

E' di 17 persone denunciate e 128 identificate il bilancio dei controlli compiuti ieri dalla Polizia di Stato nella provincia di Terni. I 17 denunciati, di cui 9 ad Orvieto, sono stati controllati mentre si spostavano in strada o in macchina senza rispettare le limitazioni governative.

Gli agenti del commissariato San Ferdinando, sono intervenuti in via Partenope, all' angolo con piazza Vittoria, a Napoli dove una coppia di sposi stava scattando foto ricordo insieme a due amici. I neo-sposi sono stati  denunciati per violazione delle prescrizioni del Decreto governativo del 9 marzo scorso.

Ventuno persone denunciate perché sorprese in gruppo o a spostarsi in città senza un valido motivo e un negozio sanzionato perché trovato aperto su un totale di 135 persone, 114 veicoli e 115 esercizi commerciali controllati. E' questo il bilancio delle verifiche sul rispetto delle disposizioni sul Coronavirus eseguite ieri dalla polizia locale in centro storico e nei quartieri di Vicenza. Tra i denunciati i partecipanti a una festa in un'abitazione privata.

Tre ragazzi sono stati denunciati ad Andria prima e dopo una festa a Castel del Monte. La polizia locale ha poi scoperto che, su Instagram, erano state pubblicate le foto di una festa a Castel del Monte. Individuato il festeggiato, questa mattina anche per lui è scattata la denuncia.

 I carabinieri della stazione di Qualiano (Napoli) e quelli della sezione radiomobile di Giugliano in Campania hanno denunciato 9 persone, tutte maggiorenni, che nonostante i divieti si sono riunite in un'appartemento per festeggiare un diciottesimo compleanno. La musica ad alto volume ha insospettito alcuni vicini che hanno allertato i carabinieri.

Sei persone denunciate durante i controlli della polizia municipale di Firenze per l'emergenza coronavirus: cinque italiani fermati in due auto e un cingalese residente fuori comune che stava lavando la macchina.