Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Coronavirus-Lazio-300mila-test-sierologici-22925833-12f8-491d-889c-37a72805f63c.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Zingaretti: sbagliato riaprire se il rischio è alto

Coronavirus, al via nel Lazio 300mila test sierologici. Zingaretti: "Garantire sicurezza"

L'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato: con questa indagine di sieroprevalenza contiamo di "confermare un tasso di circolazione del virus basso nella regione Lazio, intorno al 3%" e ci attendiamo "un 1% di asintomatici"

Condividi
"Da lunedi inizia una nuova fase nello sviluppo delle strategie di contrasto al coronavirus con una indagine attraverso i test sierologici che servirà per aprire una stagione in sicurezza". Lo ha detto il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, illustrando le modalità di avvio di 300mila test sierologici nel Lazio, alla presenza  dell'assessore alla Sanità, Alessio D'Amato e del direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito.

Si tratta - ha spiegato l'assessore alla Sanità e alla Integrazione socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, della più grande indagine di sieroprevalenza mai condotta in Italia.

I test seriologici coinvolgeranno personale sanitario, appartenenti alle forze dell'ordine, ospiti e dipendenti delle Rsa su base volontaria e con il consenso informato per comprendere come il virus è circolato nelle comunità.

A partire da lunedì - ha spiegato D'Amato, si iniziato i test con i militari della Guardia di Finanza. "Questo test è rivolto ai soggetti maggiormente esposti nella battaglia contro il Covid: riguarderà tutti gli operatori sanitari compresi i medici di medicina generale, i pediatri, i medici specialisti, i farmacisti e gli operatori delle strutture private accreditate. Riguarderà anche i soggetti che si occupano della pulizia, dei servizi, anche esternalizzati, gli operatori delle Rsa che è una platea di oltre 100mila operatori".  "I test avverranno sulla base di un'adesione individuale e volontaria con consenso informato e vi è un tracciamento e raccolta dati e l'Istituto Spallanzani sarà il garante di tutte le procedure, ha aggiunto D'Amato.

I test non daranno una 'patente' di immunità ma consentiranno di raccogliere dati molto importanti  che confluiranno in una banca dati per il contrasto e la prevenzione della pandemia. Cosa ci aspettiamo dai test? "Contiamo di avere la conferma - ha proseguito d'Amato - che  il tasso dic circolazione del virus nella nostra regione è attorno al 3 per cento e per gli asintomatici la conferma della stima all'1 per cento".

Zingaretti: sbagliato riaprire se il rischio è alto
"Credo sia sbagliato riaprire con il dubbio di una percentuale di rischio troppo alta. Il tema è riaprire ma con una sicurezza tale che permetta una fruizione adeguata del servizio sapendo che fino a che non c'è il vaccino il rischio zero non esiste". Così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti in conferenza stampa allo Spallanzani. "Noi monitoriamo giorno per giorno il livello del contagio e sulla base del giudizio del tavolo di monitoraggio produrremo ordinanze regionali che o accompagneranno quella nazionale oppure, se ci sarà la possibilità di allargare lo faremo se la curva epidemiologica lo permette". "L'approccio che si fonda su valutazioni scientifiche è l'unica forma che abbiamo per dare la percezione di sicurezza nei cittadini che nei negozi dovranno andare", ha aggiunto Zingaretti.

"Su inchiesta mascherine fare piena luce"
"Confermo la nostra posizione che abbiamo tutto l'interesse perché su questa vicenda delle mascherine si faccia piena luce. C'è stata una sollecitazione anche da parte delle forze di opposizione che ho raccolto e che condivido e assicuro che stiamo facendo di tutto anche attraverso l'invio della documentazione alla Procura della Repubblica per appurare che cosa è accaduto e se qualcuno si è approfittato di una situazione di necessità rispetto a questo approvvigionamento, per difendere i cittadini e per difendere le istituzioni". Lo ha fermato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, durante la video conferenza dall'Istituto Spallanzani per la presentazione delle modalità di avvio di 300mila test sierologici nel Lazio.

"Se qualcuno si è approfittato di una situazione di emergenza ne dovrà pagare le conseguenze - ha aggiunto Zingaretti - anche perché oltre alla legge stiamo parlando di una malattia che ha messo tutto il sistema in grande fibrillazione. Lo dico da presidente, da cittadino e da ex malato di questa malattia. Ripeto, tutta la documentazione che noi e la protezione civile abbiamo viene puntualmente inviata alle forze preposte all'indagine. Ovviamente, ho visto che ieri c'è stato un comunicato stampa di una delle società coinvolte, noi lavoriamo per il pieno recupero degli esborsi fatti dalla regione come è  giusto che sia. Anche per questo siamo impegnati con la protezione civile quotidianamente", ha concluso il presidente della Regione.

Nel Lazio 47 casi positivi, trend allo 0,6%
Alla presenza dell'assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D'Amato si è tenuta la videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere e Policlinici universitari e ospedale Pediatrico Bambino Gesù.
"Oggi registriamo un dato di 47 casi positivi nelle ultime 24h e un trend al 0,6%- spiega D'Amato- Proseguono i controlli sulle RSA e le strutture socio-assistenziali private accreditate. Sono ad oggi 678 le strutture per anziani ispezionate su tutto il territorio. Dove si sono registrate situazioni di criticità sono stati svolti audit per verificare la piena applicazione delle indicazioni. Saremo molto severi, fino in alcuni casi alla revoca dell'accreditamento. Chi ha tradito gli anziani non può stare
più nel sistema sanitario regionale". "Trend stabilmente in discesa nelle province dove complessivamente si registrano 4 casi nelle ultime 24h".

"Nelle ultime 24 ore- aggiunge- i decessi sono stati 4, mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 2.235 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati quasi 175 mila".

Intanto la nuova app della Regione 'LazioDrCovid' realizzata in collaborazione con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, ha registrato oltre 93 mila utenti che hanno scaricato l'applicazione e 2.600 medici di famiglia e 340 pediatri di libera scelta collegati. Per quanto riguardainfine i DPI - dispositivi di protezione individuale oggi sono indistribuzione presso le strutture sanitarie: 11.600 mascherine chirurgiche, 28.000 maschere FFP2, 2.590 maschere FFP3, 2.760 tute idrorepellenti, 3.900 camici impermeabili, 35.200 guanti.

All'Istituto Spallanzani 80 positivi, 10 con supporto respiratorio
I pazienti Covid-19 positivi sono in totale 80. Di questi, 10 necessitano di supporto respiratorio. Altri 44 pazienti sono sottoposti a indagini. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 417". E' quanto si legge nel bollettinoodierno diffuso dall'Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.