Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Coronavirus-imprese-oltre-100-mila-domande-al-Fondo-di-Garanzia-8383fdf7-da2b-4661-a819-ef96ac03ba0a.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Più di 80 mila le operazioni riferite a finanziamenti con copertura al 100%

Coronavirus, imprese: oltre 100 mila domande al Fondo di Garanzia

Le richieste arrivate dal 17 marzo a ieri ammontano a oltre 6 miliardi di euro. Lo comunicano il ministero dello Sviluppo Economico e Mediocredito Centrale

Condividi
Sono 103.282 per un importo di euro 6.047.663.327 le richieste di garanzie pervenute al Fondo di Garanzia dal 17 marzo (data di entrata in vigore del Cura Italia) alla data di ieri. Lo comunicano il ministero dello Sviluppo Economico e Mediocredito Centrale. Di queste domande: 101.253 sono quelle pervenute ai sensi del decreto Cura Italia e Liquidità. In particolare sono 80.873 le operazioni riferite a finanziamenti fino a 25 mila euro, con copertura al 100% per un importo finanziato di euro 1.711.069.274, per i quali l'intervento del Fondo è concesso automaticamente e possono essere erogati senza attendere l'esito definitivo dell'istruttoria da parte del Gestore.

Sono 42 le operazioni di riassicurazione con copertura al 100% per finanziamenti di durata fino a 72 mesi; 827 le operazioni di garanzia diretta con copertura al 90% per finanziamenti di durata fino a 72 mesi; 10.097 operazioni di garanzia diretta, con percentuale di copertura all'80%; 5.390 le operazioni di riassicurazione, con percentuale di copertura al 90%; 1.242 di rinegoziazione e/o consolidamento del debito con credito aggiuntivo di almeno il 10% del debito residuo e con incremento della percentuale di copertura all'80% o al 90%;  66 riferite a imprese small mid cap con percentuale di copertura all'80% e al 90%; 2.716 con beneficio della sola gratuità della garanzia, che a normativa previgente erano a titolo oneroso; 2.029 ai sensi della previgente normativa.

In relazione alle operazioni di rinegoziazione e/o consolidamento, ammissibili ai sensi del decreto Cura Italia e Liquidità, l'incremento del credito aggiuntivo è del 68,5%, passando da € 138,1 milioni a 232,8 milioni di euro.