Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Coronavirus-la-lettera-della-Ue-Italia-Politica-di-bilancio-resti-espansiva-anche-nel-2021-dde669d4-8abb-4339-88d1-0e20f6c150fd.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

La risposta alla lettera di Gualtieri

Coronavirus, la lettera della Ue all'Italia: "Politica di bilancio resti espansiva anche nel 2021"

Condividi
Valdis Dombrovskis, Commissario europeo per gli affari economici e monetari
"L'impostazione della politica di bilancio deve rimanere espansiva a sostegno della ripresa anche nel corso del 2021". È l'orientamento ribadito dalla Commissione di Bruxelles contenuto nella risposta del vicepresidente Valdis Dombrovskis e del commissario agli Affari economici, Paolo Gentiloni, alla lettera del 20 gennaio del ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, per illustrare alla Commissione europea la decisione di proporre al Parlamento italiano una relazione per ottenere l'autorizzazione allo scostamento dal deficit programmatico previsto nel Nota di aggiornamento al DEF (Nadef) 2020

"Confidiamo che il rapido avvio della compagna di vaccinazione possa gettare le basi per porre fine alla pandemia e spianare così la strada alla ripresa", è quanto si legge nella lettera. In questo contesto, "il Recovery Fund può rappresentare un'opportunità per gli Stati membri per intraprendere riforme ambiziose e gettare le basi per una crescita solida e sostenibile". 

"Dato l'elevato debito pubblico dell'Italia - si legge ancora - è particolarmente importante che l'efficacia e l'adeguatezza delle misure di sostegno siano riviste periodicamente per poter garantire il più efficiente utilizzo delle risorse". La Commissione Ue "prende atto che alla luce delle revisione degli obiettivi di bilancio per il 2021 il governo ha previsto che il rapporto debito /Pil rimanga sostanzialmente stabile quest'anno prima di registrare un calo a partire dal 2022".

Inoltre la Commissione Ue osserva "che gli obiettivi di deficit pil per i prossimi anni resteranno invariati così come la strategia di riduzione del debito nel medio lungo periodo e in particolare l'impegno a riportare il rapporto debito/pil ai livelli del 2019 nel 2030". Proprio per questo, si legge ancora, "rilanciare la crescita potenziale dell'Italia è particolarmente importante in questa prospettiva".