Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Coronavirus-nel-mondo-Tokyo-proroga-stato-emergenza-2-milioni-di-vaccinati-al-giorno-negli-Usa-01a7af35-ea81-4519-8400-f2eb8b406376.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

La pandemia nel mondo

Coronavirus nel mondo: Tokyo proroga stato d'emergenza, 2 milioni di vaccinati al giorno negli Usa

Il controllo della diffusione del virus, insieme ai progressi nella vaccinazione, è considerato fondamentale per il Giappone poiché Tokyo ospiterà le Olimpiadi, ritardate di un anno a causa del virus, a partire dal 23 luglio. Negli Usa, il paese più colpito dal virus, le vaccinazioni fanno registrare un calo di contagi

Condividi
Il governo giapponese estenderà lo stato di emergenza nella regione di Tokyo per altre due settimane perché il sistema sanitario è ancora appesantito dai pazienti Covid-19. Lo ha affermato il ministro responsabile della risposta al virus. "Per altre due settimane manterremo la misura in atto in modo da poter alleggerire la pressione sugli ospedali" ha dichiarato il ministro della rivitalizzazione economica Yasutoshi Nishimura.

Nishimura ha detto che il governo ha ricevuto l'approvazione preliminare da parte degli esperti per estendere l'emergenza fino al 21 marzo per Tokyo e tre prefetture vicine. Il primo ministro Yoshihide Suga annuncerà formalmente il piano dopo l'approvazione del Parlamento, dunque si tratta di un'estensione di emergenza iniziata il 7 gennaio per Tokyo, Kanagawa, Saitama e Chiba e ora estesa fino al 7 marzo. Ciò si traduce nel chiedere a ristoranti, bar e altre attività commerciali di chiudere volontariamente alle 20. Il Giappone non ha mai avuto un blocco obbligatorio, ma è riuscito a mantenere le infezioni relativamente basse con distanziamento sociale e misure volontarie.

I nuovi casi giornalieri a Tokyo sono diminuiti in modo significativo dopo aver raggiunto il picco di circa duemila all'inizio di gennaio, ma il calo è recentemente rallentato. In città sono stati segnalati 278 nuovi casi, leggermente in calo rispetto ai 316 del giorno precedente, portando il totale a 112.624.  A livello nazionale, il Giappone ha registrato più di 436 mila casi e circa 8 mila decessi. 

Stati Uniti
Nelle ultime 24 ore, secondo i dati del New York Times, negli Stati Uniti il Covid-19 ha provocato almeno 1.949 nuovi decessi nonché 67.415 ulteriori contagi. Nell'ultima settimana, si sono contati in media 62.924 casi al giorno, con una diminuzione del 14% rispetto alla media di due settimane fa. Nell'ultima settimana si è assistito a una stabilizzazione dei contagi con una media di 65-70mila casi giornalieri. Al momento sono gli stati del nordest a segnalare alcuni dei peggiori focolai del paese: New York, il New Jersey e Rhode Island sono tornati a far registrare i livelli più alti di positività, come era accaduto nella prima ondata pandemica. La situazione, adesso, è però ben diversa, sia in bene che in male. Da una parte il ritmo della vaccinazione continua ad aumentare, con oltre 54 milioni di persone che hanno ricevuto la prima dose e quasi 30 milioni che sono già completamente immunizzate; inoltre, rispetto ai momenti più drammatici della seconda ondata, si sono dimezzati i ricoveri ospedalieri dei pazienti-Covid.