Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Coronavirus.-Dimessi-20-cinesi-dallo-Spallanzani.-In-Cina-i-morti-sono-1350-9429733d-928c-4959-a9b8-cd7a7f5dc852.html | rainews/live/ | true
MONDO

La lotta all'epidemia

Coronavirus. Dimessi 20 turisti cinesi dallo Spallanzani

Oggi tornerà in Italia il 17enne bloccato a Wuhan. Quasi 1500 i morti da coronavirus. Altri 44 casi confermati sulla nave da crociera Diamond Princess in Giappone, Paese dove si registra la prima vittima, una donna di 80 anni. Speranza: Ue allineata sul criterio della massima prudenza. Un'équipe di Shanghai isola il ceppo, risorsa chiave per lo sviluppo di vaccini e la produzione di farmaci

Condividi

Continuano ad aumentare i contagi da coronavirus in Cina: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 4.633 nuovi casi e 121 decessi portando il bilancio totale dei morti a 1.383. I casi di contagio confermati in tutto il mondo sono 64.437 di cui 63.855 nella Cina continentale.      L'impennata di contagi del Covid-19 e' legata a un cambiamento nei criteri diagnostici adottati per il conteggio da parte delle autorità sanitarie nell'Hubei. Fino a ieri il contagio veniva confermato solo dopo i risultati positivi dei test sull'acido nucleico, che impiegavano anche due-tre giorni per essere disponibili. Ma i kit per i test con i tamponi nella provincia cinese epicentro dell'epidemia cominciavano a scarseggiare negli ultimi giorni. Soprattutto, nel corso di queste settimane di crisi, i sanitari avevano rilevato anche casi di 'falsi negativi', ovvero persone che erano comunque state contagiate ma i cui test risultavano negativi. Questo ha messo in allarme le autorità cinesi che hanno deciso, nella provincia epicentro del focolaio, di includere tra i casi di contagio anche le diagnosi cliniche da polmonite e quelle fatte sulla base delle immagini da tomografica computerizzata (la cosiddetta CT scan). 
 
Nel frattempo, la Casa Bianca lamenta però la scarsa trasparenza della Cina sui dati del virus. "Siamo un po' delusi dal fatto di non essere stati invitati e siamo un po' delusi dalla mancanza di trasparenza da parte dei cinesi", ha dichiarato ai giornalisti Larry Kudlow, direttore del Consiglio economico del presidente Donald Trump. Trump ha piu' volte elogiato il suo omologo cinese per la risposta del governo di Pechino alla crisi ma Kudlow ha affermato che le domande senza risposta sono in aumento e che non vi e' alcun segno della cooperazione promessa.      In Cambogia i passeggeri della nave da crociera Mv Westerdam che era stata respinta da diversi porti in Asia per timori di poter trasportare il nuovo coronavirus hanno finalmente iniziato a sbarcare a Sihanoukville. Il premier Hun Sen ha dato il benvenuto a circa 100 turisti che hanno ricevuto fiori mentre scendevano a terra dopo due settimane incerte in mare. La Westerdam avrebbe dovuto portare i suoi 2.257 passeggeri e l'equipaggio in una crociera di 14 giorni in Asia orientale, a partire da Hong Kong il 1  febbraio e terminando sabato a Yokohama, in Giappone. Ma la nave è stata respinta da Giappone, Guam, Filippine, Taiwan e Thailandia per paura di trasportare qualcuno con Covid-19.
 

Un'équipe di Shanghai isola il ceppo
Un gruppo di ricercatori di Shanghai ha annunciato di aver isolato e identificato con successo il ceppo del nuovo coronavirus da un campione di pazienti, risorsa chiave per lo sviluppo di vaccini, la produzione di farmaci e lo studio dei meccanismi patogeni.

La squadra è composta da scienziati dello Shanghai Medical College dell'Università di Fudan e dello Shanghai Municipal Center for Disease Control and Prevention. Gli scienziati hanno completato il sequenziamento e l'analisi del genoma. Wen Yumei, responsabile del gruppo e studioso dell'Accademia cinese di ingegneria, ha dichiarato che l'isolamento del virus aiuterà a monitorare la variazione del virus in tempo reale, a effettuare lo screening dei farmaci e i test di neutralizzazione degli anticorpi, e ad accelerare i progressi della ricerca per la malattia Covid-19. Alcuni istituti di Shanghai sono pionieri nello sviluppo di vaccini e agenti contro il nuovo coronavirus. Alcuni hanno già condotto esperimenti pre-clinici sugli animali.

L'Hubei chiede ai guariti il sangue, contiene molti anticorpi
Le autorità sanitarie dello Hubei fanno appello ai pazienti guariti dal coronavirus di donare il sangue per il "grande numero di anticorpi" presenti nel plasma di chi ha superato la malattia. La donazione del sangue è stata sollecitata da Zhang Dingyu, direttore del Jinyintan Hospital di Wuhan, la principale struttura della città, per la cura di chi ha contratto il Covid-19. "Stiamo facendo ricerche sul plasma dei pazienti guariti", ha dichiarato durante la conferenza stampa serale delle autorità satniarie dello Hubei. "I pazienti guariti possono donarci il sangue che ha molti anticorpi e questo potrebbe aiutarci con la ricerca e forse nella cura dei pazienti", ha aggiunto il medico.

Dimessi dallo Spallanzani 20 turisti cinesi
Sono stati dimessi, questa mattina, dall'ospedale Spallanzani di Roma i venti turisti cinesi che erano stati in contatto con la coppia di connazionali risultata positiva al Coronavirus. Facevano parte della loro comitiva. Tra loro anche cinque minorenni. Tenuti in quarantena per 14 giorni, sono tutti ripetutamente risultati negativi al test. Ora, prenderanno un volo per la Cina.

Stabili i 2 pazienti cinesi contagiati
"I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan, casi confermati di infezione da nuovo coronavirus, continuano a essere ricoverati nella terapia intensiva del nostro Istituto. Le loro condizioni cliniche sono ad oggi invariate e con parametri emodinamici buoni. Continuano la terapia antivirale e la prognosi resta riservata". Così si legge nel bollettino medico diramato oggi dallo Spallanzani.

Torna in Italia il 17enne italiano bloccato a Wuhan
Niccolò, lo studente italiano di 17 anni bloccato a Wuhan focolaio del coronavirus, sta per tornare nel nostro paese. A dare il via le autorità cinesi. Il rimpatrio avverrà con un volo speciale che dovrebbe partire oggi e arrivare sabato. L'operazione, come quelle precedenti, è coordinata dall'Unità di Crisi della Farnesina in stretto contatto con i Ministeri della Difesa e della Salute e con il contributo della Protezione civile 

Area Firenze, 304 bimbi in auto-isolamento
Ad oggi sono 304 i bambini e gli studenti rientrati dalla Cina e residenti nell'area dell'Azienda Usl Toscana Centro (Firenze, Prato, Empoli e Pistoia) le cui famiglie hanno scelto di farli restare a casa in isolamento volontario per due settimane: la misura dopo il loro rientro in Italia da un viaggio in una delle area a rischio infezione da Covid-19 (Nuovo Coronavirus). Lo rende noto la stessa Usl facendo un bilancio aggiornato a questo momento sull'emergenza coronavirus relativo al territorio di competenza.

Ambasciata Cina: basta aggressioni ai cinesi in Italia 
"Nella comunità cinese si sta diffondendo il panico. Non per l'epidemia di coronavirus, ma per la sicurezza. Ci sono state aggressioni verso cinesi in Italia, non turisti, ma comunità cinese. Vorrei invitare gli amici italiani a fare attenzione alla sicurezza dei nostri connazionali che vivono e lavorano in Italia, di evitare pregiudizi, distinzioni, aggressioni. Insulti e minacce non sono tollerabili. E' l'appello che voglio lanciare". Lo ha detto il dottor Zhang dell'ambasciata cinese, che ha accompagnato i 20 turisti dimessi dallo Spallanzani. 



Mattarella organizza un concerto straordinario per la Cina, Xi "commosso": amicizia imperitura
Il concerto straordinario organizzato dal Quirinale con la pianista cinese Jin Ju ha "commosso" Xi Jinping. "E' un ulteriore gesto concreto che mostra come l'amicizia si veda nel momento del bisogno", ha affermato il presidente cinese in un messaggio letto alla presenza di Sergio Mattarella prima che il concerto cominciasse. "Le difficoltà sono temporanee, le amicizie imperiture", ha continuato Xi, sottolineando la "solidarietà" espressa dal presidente della Repubblica italiana in una recente visita a una scuola elementare frequentata da diversi bambini cinesi.

La battaglia della Cina contro l'epidemia da coronavirus sta "gradualmente producendo risultati positivi", afferma Xi nel messaggio. "Il governo cinese, di fronte all'epidemia - aggiunge Xi - ha adottato misure di prevenzione e controllo rigorose e precise, agendo agendo in modo responsabile sia sia nei confronti del popolo cinese che della comunità internazionale". "Il governo e il popolo cinese - prosegue Xi - sono fiduciosi, determinati e possiedono la capacità di vincere la battaglia contro l'epidemia e salvaguardare la sicurezza sanitaria regionale e globale".

Mattarella ha quindi espresso piena fiducia nelle misure messe in campo dalla Cina. "Ricorrono i 50 anni delle relazioni diplomatiche tra la Repubblica popolare cinese e quella italiana. Relazioni che sono improntate a sincera cooperazione per il comune interesse. L'Italia esprime fiducia e sostegno alla Cina nell'emergenza contro l'epidemia e nell'impegno per assicurare la sicurezza sanitaria internazionale" ha sottolineato il capo dello Stato.

Speranza: Ue allineata con criterio massima prudenza. Giusto fermare i voli 
L'Unione europea è allineata con le misure di contenimento per la diffusione del nuovo coronavirus adottate dall'Italia, in particolare quelle che hanno previsto la cancellazione dei voli diretti dalla Cina: lo ha sottolineato il ministro della Salute Roberto Speranza, al termine della riunione dei ministri Ue a Bruxelles, rivendicando la scelta italiana. "Nel documento finale vengono riconosciute le misure adottate come giuste" e, riguardo alla cancellazione dei voli diretti dalla Cina, il ministro ha sottolineato: "Io penso che questa sia una misura prudenziale, l'Italia ha adottato fin dall'inizio un criterio di massima precauzione e cautela, è un criterio giusto oggi la riunione ha confermato che la strada della prudenza è la più opportuna", tra l'altro - ha ricordato - l'Italia non è la sola ad avere adottato misure simili. E quella della cancellazione  dei voli diretti dalla Cina, ha ribadito Speranza "è una misura giusta,  la rivendichiamo. Ha permesso all'Italia di essere più sicura".  

"Ho insistito - ha aggiunto Speranza - perché si facesse questa riunione e grazie alla nostra richiesta formale tutti i ministri hanno discusso questo tema". La linea è invariata: "No allarmismo, inutile e dannoso, ma asticella dell'attenzione molto molto alta, questa è la direzione di marcia". 

Il ministro della Salute ha ribadito che grazie alle misure di contenimento messe in atto fin dall'inizio "siamo il Paese in Ue con il più alto livello di salvaguardia", e questa è la priorità per Speranza: "Le questioni economiche e diplomatiche sono importanti e le stiamo analizzando, ma la salute viene prima di tutto". "Adatteremo le misure all'evoluzione della situazione", ha poi assicurato il ministro, che riguardo alle misure di contenimento entro l'Europa, ha aggiunto: "In questo momento non ci sono ragioni per ridurre la circolazione a livello europeo. Non credo ci siano questi rischi", ma "dobbiamo tenere livello attenzione alto".

Casa Bianca: "Delusi da mancata trasparenza della Cina"
La Casa Bianca esprime delusione per le mancata trasparenza da parte della Cina sull'epidemia. "Siamo un po' delusi dal fatto di non essere stati invitati e siamo un po' delusi dalla mancanza di trasparenza da parte dei cinesi", ha dichiarato ai giornalisti Larry Kudlow, direttore del Consiglio economico del presidente Donald Trump. Trump la scorsa settimana aveva elogiato il suo omologo cinese, Xi Jinping, per la risposta del suo governo alla crisi. Ma Kudlow ha affermato che le domande senza risposta sono in aumento e che non vi è alcun segno della cooperazione promessa. "Il presidente Xi ha assicurato al presidente Trump che la Cina era presente e che ci sarebbe stata apertura, avrebbero accettato il nostro aiuto", ha aggiunto.

Rimossi i capi del Pcc dell'Hubei e di Wuhan
La Cina ha rimosso dalla sua carica Jiang Chaoliang, il segretario del Partito comunista cinese (Pcc) dell'Hubei, la provincia che è l'epicentro dell'epidemia. Jiang, ha riferito l'agenzia ufficiale Xinhua, sarà sostituito dal sindaco di Shanghai, Ying Yong, molto vicino al presidente Xi. Inoltre, Wang Zhonglin è il nuovo capo del Partito comunista cinese di Wuhan, la città focolaio del virus. Wang, ha riferito l'agenzia Xinhua, sostituisce Ma Guoqiang che, a fine gennaio in un'intervista alla tv statale Cctv, aveva ammesso i ritardi nella scoperta del coronavirus. Nei giorni scorsi provvedimenti simili hanno colpito i membri del partito provinciali con incarichi nel settore sanitario.

Xi invia altri 2.600 medici militari a Wuhan
Con il via libera del presidente Xi Jinping, a capo della Commissione centrale militare, la Cina ha inviato a Wuhan altri 2.600 unità di personale medico e paramedico delle forze armate allo scopo di assistere i pazienti ricoverati nei due ospedali costruiti a tempo di record in 10 giorni. Allo stato, riferiscono i media cinesi, Pechino ha mobilitato 20.000 unità di personale medico e più di 180 team a sostegno di Wuhan, che è il focolaio del coronavirus Covid-19, e dell'intera provincia dell'Hubei.   Il primo gruppo di rinforzi, pari a 1.400 unità di personale medico e paramedico, è arrivato oggi a Wuhan. Nel complesso, le forze armate hanno inviato in tre diversi gruppi un totale di 4.000 militari del settore sanitario e medico.

Altri 44 casi confermati su nave crociera in Giappone
Altre 44 persone sono risultate positive al coronavirus portando così a 218 i casi confermati sulla nave da crociera Diamond Princess attraccata al largo di Yokohama, in Giappone, dall'inizio del mese. Stando a quanto precisato dal ministero della Salute, si tratta di 29 cittadini giapponesi e di 15 stranieri e di persone perlopiù anziane: 40 delle 44 persone infette hanno infatti età pari o sopra a 70 anni. Di fatto, da quanto apparso sui media giapponesi nei giorni scorsi, circa l'80% degli oltre 3.000 passeggeri della nave ha 60 anni o più. Il ministro della Salute, Katsunobu Kato, ha riferito di altri test in corso su circa 200 passeggeri. Come riporta oggi il Japan Times, i 44 nuovi casi sulla Diamond Princess porta a 247 il numero complessivo di casi confermati di coronavirus in tutto il Giappone. 

A Hong Kong sospese tutte le messe
Nella lotta alla diffusione del coronavirus, la diocesi di Hong Kong ha sospeso le messe pubbliche per due settimane. "Le prossime due settimane saranno un momento cruciale per sopprimere l'epidemia. Per evitare raduni la diocesi ha deciso di sospendere tutte le messe pubbliche, la domenica e nei giorni feriali per due settimane, inclusa la liturgia del Mercoledì delle Ceneri, dal 15 al 28 febbraio", ha indicato il card. John Tong Hon, amministratore apostolico della diocesi. Lo scrive Fides. Il cardinale invita a seguire le messe on line.

Vietnam, in quarantena una intera città 
Un comune di 10.000 abitanti vicino ad Hanoi è stato messo in quarantena per paura di diffondere il coronavirus. Lo ha confermato il ministero della Salute vietnamita.
"Stiamo ordinando una quarantena per l'intero comune di Son Loi per 20 giorni - ha fatto sapere il ministero - perché nella cittadina sono stati segnalati 5 casi di infezione da Covid-19". In Vietnam sono 15 le persone fin qui colpite dal virus, che ha già causato 1.350 morti nella Cina continentale.