Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Covid-A-New-York-scatta-obbligo-vaccinale-per-tutti-i-lavoratori-840b4872-07db-45ee-8d16-aae73d435792.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

In vigore dal 27 dicembre

Covid. A New York scatta l'obbligo vaccinale per tutti i lavoratori

E' la prima misura di questo tipo negli Stati Uniti

Condividi
A New York scatta l'obbligo vaccinale per tutti i lavoratori del settore privato. Le decisione è stata annunciata dal sindaco Bill de Blasio ed è la prima nel suo genere negli Stati Uniti. Entrerà in vigore dal 27 dicembre.

"Vogliamo evitare una nuova ondata di contagi, a partire da quelli legati alla variante Omicron", ha spiegato de Blasio. Il primo cittadino uscente, parlando a 'Morning Joe' di MSNBC, ha detto che tutti i datori di lavoro privati dovranno richiedere prova di avvenuta vaccinazione ai dipendenti: "Annunceremo la misura per la prima volta nella nazione", ha detto ancora il sindaco, parlando di "attacco preventivo".

Attualmente l'obbligo è in vigore per i dipendenti municipali. Le vaccinazioni sono già necessarie anche per i lavoratori degli ospedali e delle case di cura. La scorsa settimana era stato annunciato un obbligo di vaccinazione per i dipendenti delle scuole private e religiose. De Blasio ha detto che si aspetta che il nuovo obbligo supererà eventuali opposizioni per vie legali.

Al momento a New York serve almeno una dose di vaccino per accedere a ristoranti al coperto, luoghi di intrattenimento e centri fitness. Le nuove regole prevedono invece che per accedere a questi luoghi siano necessarie due dosi per le persone di età superiore ai 12 anni. Una dose sarà richiesta per i bambini dai 5 agli 11 anni.

Intanto i casi di Covid sono in aumento a New York City, con oltre 1.500 nuovi contagi confermati in media ogni giorno, secondo il dipartimento della Sanità della città. La città ha segnalato anche 10 casi della variante Omicron.