Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Crisanti-se-un-giocatore-positivo-il-resto-della-squadra-deve-stare-in-quarantena-7e432eb9-dc75-4db2-816b-630487ffdd24.html | rainews/live/ | true
SPORT

Il caso Genoa

Crisanti: se un giocatore è positivo il resto della squadra deve stare in quarantena

Il virologo: quella partita (con il Napoli, ndr) il Genoa non la doveva fare, è il fallimento delle deroghe alla quarantena 

Condividi
"Questo è il fallimento delle deroghe alla quarantena. Non capisco perché se la moglie risulta positiva il marito deve stare in quarantena e se un giocatore è contagiato gli altri della squadra non debbano stare in isolamento in attesa del tampone. Il caso del Genoa è il risultato delle pressioni delle società e delle deroghe a delle norme di salute pubblica. Quella partita non si doveva fare, punto e basta".

Lo ha detto il virologo Andrea Crisanti in tv, rispondendo alle domande sul caso del Genoa, che ha 14 tra calciatori e membri dello staff risultati positivi dopo la partita persa 6 a 0 contro il Napoli.