Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ebola-Parlamento-Ue-Epidemia-sottovalutata-e-chiede-a-Onu-di-inviare-i-militari-c6b081c6-fc4b-46c4-8eae-b48400688123.html | rainews/live/ | true
MONDO

Una risoluzione bipartisan

Ebola, Parlamento Ue: "Epidemia sottovalutata" e chiede all'Onu di inviare i militari

Gli europarlamentari chiedono all'Unione europea di intensificare sforzi e controlli e al Consiglio di sicurezza dell'Onu di elaborare un "piano d'emergenza"

Condividi
La comunità internazionale "ha sottovalutato" l'epidemia di ebola ed ha "tardato a elaborare" una risposta, ma ora il Consiglio di Sicurezza Onu pensi ad inviare risorse di difesa militari e civili, mentre l'Unione Europea deve intensificare gli sforzi a tutto campo. Lo ha chiesto il Parlamento europeo che, in una risoluzione bipartisan approvata a stragrande maggioranza dalla plenaria, "esorta" il Consiglio Ue a convocare una ministeriale "per stabilire un piano d'emergenza" per contrastare la diffusione del virus.

Il Parlamento ha poi ricordato che la Commissione ha stanziato 147 milioni di ero, ma che di questi "solo 11,9 milioni sono specificamente destinati ad alcuni dei bisogni umanitari più urgenti". Nella risoluzione da una parte quindi vengono chiesti maggiori aiuti finanziari dall'altra aumento di controlli per verificare che "l'intero importo sia effettivamente destinato alla lotta contro l'epidemia nei paesi colpiti dal virus e non utilizzato per altri fini".
Gli europarlamentari propongono poi che i 28 coordinino voli per stabilire ponti aerei nelle zone colpite per inviare personale specializzato ed attrezzature in grado di affrontare quella che la Oms ha definito l'epidemia "più grande mai registrata" ed "un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale".
Infine ai governi europei si chiede "un controllo scrupoloso dell'infezione" dando al pubblico "informazioni più complete sui rischi" e nel contempo di "coordinare e rafforzare la ricerca medica e la produzione di medicinali e vaccini efficaci" contro l'Ebola e ad accelerare gli studi clinici per le potenziali cure già esistenti.