Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Electrolux-aperto-lo-stabilimento-di-Susegana-101-operai-al-lavoro-nonostante-sindacato-contrario-e5b197ef-eb51-41c9-8c7e-cc88bbd65528.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Al lavoro a Ferragosto

Electrolux, aperto lo stabilimento di Susegana: 101 operai al lavoro nonostante il no del sindacato

In tanti hanno risposto alla richiesta dell'aziende di rimanere aperti per produrre soprattutto 450 frigoriferi d'alta gamma 'Cairo'. Contrario il sindacato che avevano siglato un accordo per 6 sabati lavorativi nel periodo estivo escluso però Ferragosto

Condividi
Sono centouno gli operai che hanno lavorato all'Electrolux di Susegana, in provincia di Treviso. In tanti hanno risposto alla richiesta dell'azienda nonostante la contrarietà del sindacato. Fino a ieri mattina erano 30 le "tute blu" che avevano dato la loro adesione poi il numero è salito nel corso della giornata toccando 101. Lo stabilimento è stato aperto per produrre soprattutto 450 frigoriferi d'alta gamma 'Cairo'.

Attive dalle 6 a mezzogiorno due linee dell'impianto, la numero 4 a pieno regime per 'Cairo' e la numero 6 a operatività ridotta per sfornare una trentina tra frigoriferi a quattro porte e congelatori. Ai lavoratori, per questo giorno superfestivo, come da contratto collettivo metalmeccanico, la maggiorazione sarà di 70 euro. "Fanno comodo dopo sei mesi di cassa integrazione" ha detto uno dei dipendenti all'uscita dello stabilimento. "E' stata una crisi pesante - ha aggiunto un altro operaio -speriamo che si ripeta anche il prossimo ferragosto". "Non è facile scegliere di lavorare oggi - ha fatto eco un'altra 'tuta blu' -, ma penso a tutti quelli che sono a casa, quelli che non riescono a trovare lavoro".

I sindacati avevano osteggiato l'azienda che avrebbero preferito recuperare la quota di produzione in un altro modo, magari ridiscutendo gli esuberi annunciati. I sindacati avevano siglato l'accordo per sei sabati lavorati nel periodo estivo, ma non quello di Ferragosto. Il gruppo svedese aveva ipotizzato nel gennaio 2014 la chiusura dello stabilimento di Porcia e gli stipendi dimezzati per tutti i dipendenti degli atri tre stabilimenti italiani di Forlì, Susegana, Solaro.