Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Elezioni-amministrative-il-voto-a-Roma-Torino-e-Trieste-exit-poll-e-proiezioni-4f053d8b-1a03-4533-8d8c-ffa6dcf1a888.html | rainews/live/ | true
POLITICA

I risultati del voto

Ballottaggi amministrative: a Roma vince Gualtieri. Lo Russo a Torino. A Trieste Dipiazza

Affluenza in calo al 43,93%, mai così bassa. Il centrosinistra vince a Roma, a Torino e in 6 dei 7 capoluoghi di provincia: Varese, Savona, Latina, Caserta, Isernia e Cosenza. A Trieste confermato Dipiazza, a Benevento Mastella. Gualtieri: "Grazie ai romani, ora rilanciare la città". Letta: "Vittoria trionfale ma no a trionfalismi". Meloni chiede un vertice del centrodestra in settimana

Condividi
Il centrosinistra conquista Roma e Torino, con un larghissimo distacco dagli avversari. Il centrodestra conferma la guida di Trieste. La vittoria nel capoluogo friulano evita a Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia di subire il 'cappotto' ai ballottaggi. Il centrosinistra infatti - dopo aver già confermato la guida di Milano e Bologna ed essersi aggiudicato il comune di Napoli al primo turno - oltre alla Capitale e al capoluogo piemontese vince, dove si sono svolti i secondi turni, anche a Varese, Latina, Caserta, Cosenza, Isernia e strappa Savona al centrodestra.

Si chiude così il turno di ballottaggio che ha interessato 65 comuni per l'elezione del sindaco. Coinvolti circa 5 milioni di elettori. Affluenza in calo al 43,93% contro il 52,67%. del primo turno: mai così bassa. A Torino l'affluenza è stata del 42,13%, nuovo minino storico. A Roma al 40,68%, in calo di 8 punti sul primo turno.

Al centrosinistra 15 capoluoghi
Il centrosinistra ha vinto nella maggior parte delle città, fra capoluoghi di regione e di provincia, andate al voto: si conferma a Varese, dove non riesce il ribaltone alla Lega, che si vede sfilare anche Savona. E al ballottaggio la coalizione progressista vince a Roma, Torino, Latina, Caserta, Cosenza e Isernia, dopo averlo fatto al primo turno anche a Carbonia, Ravenna e Rimini, Bologna e Napoli.  Il centrodestra chiude queste elezioni con 4 capoluoghi, Trieste, Pordenone, Novara e Grosseto. Sono liste civiche quelle che hanno vinto a Salerno (d'area di centrosinistra) e a Benevento, dove si è imposto nuovamente Clemente Mastella.

Le vittorie a Roma, Torino e Trieste
Roma, al termine dello scrutinio delle 2.603 sezioni, il candidato del centrosinistra Roberto Gualtieri vince con il 60,15% contro il candidato del centrodestra Enrico Michetti al 39,85%. Vittoria del centrosinistra anche in 14 municipi su 15: solo a Tor Bella Monaca vince il centrodestra. Scompare il Movimento 5 stelle che nel 2016 vinse a valanga.

A Torino in base ai risultati definitivi del Viminale quando sono state scrutinate tutte le 919 sezioni, il  candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo è stato eletto sindaco  con il 59,23% dei voti contro il 40,77% del candidato del centrodestra Paolo Damilano.

A Trieste  riconferma per il sindaco del centrodestra Roberto Dipiazza, con il 51,29%, che al ballottaggio batte lo sfidante del centrosinistra Francesco Russo, fermo al 48,71.  Per Dipiazza si tratta del quarto mandato da primo cittadino, dopo le esperienze già maturate nel comune di Muggia e in quello di Trieste. Il 42% degli aventi diritto si è recato alle urne ieri e oggi, 4 punti in meno rispetto al primo turno di votazioni.

Le prime proiezioni che avevano anticipato questi risultati erano state accolte con applausi e urla di gioia tanto a Roma quanto a Torino.

Gualtieri: "Grazie ai romani, sono onorato"
"Grazie ai romani per questo risultato così significativo, di cui sono onorato. Ci metterò tutto il mio impegno". Lo ha detto Roberto Gualtieri, candidato a sindaco del centrosinistra per Roma, nella sede del suo comitato elettorale. Gualtieri ha ringraziato poi i suoi sfidanti: Enrico Michetti, Carlo Calenda e la sindaca di Roma Virginia Raggi "per l'impegno profuso in questi anni". Gualtieri ha ringraziato inoltre i volontari del suo comitato e ha parlato di "una bellissima campagna elettorale".

Poi Gualtieri ha lanciato un appello: "Mi rivolgo a tutte le forze sociali, economiche e politiche: è il momento di realizzare un Patto per Roma. Chiedo a tutte le forze della città, ai corpi sociali e associativi, di partecipare a una grande stagione di rilancio di Roma". Pensando anche all'astensionismo "un fenomeno grave che abbiamo visto in questi giorni - ha aggiunto Gualtieri - daremo vita a una grande stagione di bella politica partecipata".

Michetti: "Abbiamo dato il massimo"
"Faccio gli auguri al sindaco, perché Roma è la cosa più importante, credo che abbiamo dato il massimo e in queste condizioni abbiamo fatto ciò che si poteva". Così Enrico Michetti  in una conferenza al suo comitato elettorale. "Spero che in futuro il clima sia diverso, di maggiore serenità con al centro i programmi per la città e non vicende di carattere nazionale".

Dipiazza: "Ho vinto a Trieste"
Roberto Dipiazza è, per la quarta volta, sindaco di Trieste. Candidato del centrodestra, ha vinto il ballottaggio contro il candidato del centrosinistra, Francesco Russo, autore tuttavia di una incredibile rimonta. Lo ha detto lui stesso - "Ho vinto" - intervenendo in collegamento in diretta con l'emittente televisiva TeleQuattro, quando mancavano sei sezioni al termine dello spoglio. Alla fine ha vinto con il 51,3% contro 48,7%. Russo partiva da quasi 16 punti di svantaggio.

Russo: "Abbiamo recuperato quasi 15 punti, continueremo a lavorare"
"Abbiamo recuperato quasi 15 punti di distacco quindi l'impresa c'è stata". Lo ha detto ai giornalisti Francesco Russo, candidato per il centro sinistra alla carica di sindaco a Trieste, subito dopo la sua sconfitta di misura nei confronti di Roberto Dipiazza. "Evidentemente - ha aggiunto - non siamo riusciti a spiegare la novità di un messaggio, di un nostro progetto per il futuro. Ci siamo e continueremo a lavorare per questo. Credo comunque che una volta in consiglio comunale, se ci sono le condizioni, ci si possa venire incontro".

Lo Russo: "Grande mobilitazione per Torino"
"C'è stata una grande mobilitazione del centrosinistra. Erano tanti anni, tantissimi anni che non c'era una mobilitazione così importante ed erano tanti anni, tantissimi anni che il centrosinistra non era così unito e capace di fare squadra. Abbiamo lavorato in queste settimane per dare corpo al nostro progetto. Io credo davvero che la responsabilità che arriva da questo risultato davvero entusiasmante e importante è doppia, su un progetto e di chi sa di avere un compito molto, molto complesso che è far ripartire Torino". Lo ha detto Stefano Lo Russo, neo sindaco di Torino, commentando l'esito del ballottaggi.

Damilano: "Partiti in mio sostegno un po' pigri"
"Ho visto grande partecipazione da parte dei partiti a livello nazionale, li ho visti forse un po' più pigri a livello locale: i risultati credo lo abbiano in parte dimostrato".  Così Paolo Damilano, candidato sindaco del centrodestra a Torino, a proposito di Lega, Fdi e Fi, le forze politiche che hanno sostenuto la sua corsa, persa al ballottaggio contro il Dem Stefano Lo Russo. "Ho visto grande partecipazione dai leader nazionali - ha sottolienato Damilano - anzi li ringrazio per essere venuti e avere aiutato la nostra campagna elettorale".

Le reazioni politiche
"Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori. E loro sono più avanti di noi, si sono saldati e fusi, quelli del centrosinistra e della coalizione larga che ho voluto costruire. Con una vittoria trionfale". Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta,commentando l'esito del voto, al Nazareno.

"Bravo Roberto Gualtieri, sarai un grande Sindaco! Bravi tutti, ora Roma". Lo scrive su Facebook il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, che posta una foto dell'abbraccio con l'ex ministro dell'Economia.

"Una vittoria meritata, conseguita grazie a tenacia, passione, serietà e competenza di Roberto Gualtieri. #Roma, con il nuovo sindaco, ha scelto l'Europa e il futuro". Lo scrive su twitter David Sassoli, presidente del parlamento Ue.

"Congratulazioni a Roberto Gualtieri. Il nuovo sindaco saprà lavorare nell'interesse della nostra comunità. Da parte mia ci sarà leale e costruttivo sostegno nelle battaglie che avranno a cuore Roma". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi si complimenta con Roberto Gualtieri.

"Si profila un quasi cappotto. Con questa tornata il Pd dovrebbe avere oltre il 70% dei sindaci d'Italia.Riconquistiamo Roma, Torino e Napoli e questo sposta gli equilibri". Lo dice il coordinatore dei sindaci del Pd Matteo Ricci parlando al Nazareno. "Ha vinto il partito dei sindaci con la guida forte di Enrico Letta", aggiunge.

"Passiamo da 8 a 10: al momento il centrodestra ha più sindaci rispetto a  15 giorni fa". E' il primo commento del leader della Lega, Matteo Salvini ai ballottaggi, da Catanzaro. Che però ammette: "Sconfitta a Roma? I cittadini hanno sempre ragione quando scelgono. Perché qui ci sono quartieri della capitale che hanno segnato il 70% di astensione". Poi: "Lo zero virgola in più o in meno in questo momento non mi preoccupa, il nostro obiettivo è vincere le elezioni politiche tra un anno e per questo ci stiamo organizzando".

Giorgia Meloni non usa giri di parole: "Il centrodestra esce sconfitto alle amministrative: non riusciamo a strappare al centrosinistra le grandi città", dice la leader di Fratelli d'Italia nel corso di una conferenza stampa per commentare i risultati delle elezioni amministrative.   "Ma - mette in chiaro Meloni - da sconfitta a debacle, è eccessivo. Debacle è del M5s, il Pd sta festeggiando sulle spoglie degli alleati grillini".  La leader di Fratelli d'Italia pone infine l'accento sui dati dell'affluenza:  "Nessun partito può gioire quando una città come Roma elegge il proprio sindaco con queste cifre: c'è una crisi della democrazia, non della politica. Tutti dovrebbero interrogarsi. La gente non è andata a votare perché la politica con i giochi di palazzo ha mortificato la volontà dei cittadini,e questa campagna elettorale, trasformata dalla sinistra a una criminalizzare l'avversario, cercare di renderla impresentabile". E aggiunge: "Credo che ci si debba vedere questa settimana: ho già parlato con Berlusconi, lo farò con Salvini. Ci sono i tempi per una rivincita del centrodestra". Poi è arrivata la telefonata tra Salvini e Meloni: i due leader hanno concordato vedersi nei prossimi giorni insieme a Silvio Berlusconi.

I risultati nei capoluoghi di provincia
A Varese alla fine dello scrutinio delle 85 sezioni il candidato sostenuto da Pd e M5S Davide Galimberti si è imposto con il 53,2% e oltre 2.000 voti in più del suo sfidante Matteo Bianchi, del centrodestra, che si è fermato al 46,8%. Un distacco doppio rispetto a quello registrato al primo turno, quando l'affluenza era stata del 50,9%, contro il 47,4% del ballottaggio.

Il comune di Savona torna al centrosinistra: è infatti Marco Russo il nuovo sindaco della Città della Torretta, in base dati definitivi del Viminale,  quando sono state scrutinate tutte le 61 sezioni Russo, sostenuto dal centrosinistra, è eletto nuovo sindaco di Savona con il  62,25% dei voti, mentre Angelo Schirru, candidato per il centrodestra, si ferma al 37,75%. 

E' Piero Castrataro (centrosinistra) il nuovo sindaco di Isernia. Il candidato sostenuto da Pd e M5S, con 23 sezioni scrutinate su 23, conquista il 58.72% delle preferenze mentre Gabriele Melogli del centrodestra si ferma a 41,28%.

In base ai dati definitivi del Viminale, relativi allo scrutinio di tutte le 72 sezioni, a Benevento è stato riconfermato il sindaco uscente, Clemente Mastella, con il 52,68%,  contro il candidato del centrosinistra Luigi Diego Perifano, che ha  ottenuto il 47,32%.

A Latina Damiano Coletta è confermato sindaco. Il candidato sostenuto da Pd e M5S fa registrare il 54.90% delle preferenze,contro il rivale di centrodestra Vincenzo Zaccheo fermo al 45.10%.

Vittoria del sindaco uscente anche a Caserta, dove Carlo Marino leader della coalizione di centrosinistra supera il ballottaggio con il 53,65%, contro l'avversario, Gianpiero Zinzi del centrodestra, al 46,35%.

Il candidato del centrosinistra, Franz  Caruso, è stato eletto sindaco di Cosenza. In base ai dati definitivi  del Viminale, al termine dello scrutinio delle 82 sezioni, ha avuto il 57,59% dei voti contro il 42,41% dello sfidante del centrodestra,  Francesco Caruso.

Il voto in Trentino, Sardegna e Sicilia il 24 ottobre
Il 24 ottobre si voterà in Trentino Alto Adige (Merano e Brentonico). In Sardegna (Capoterra) e Sicilia (Canicattì, Rosolini, Porto Empedocle, San Cataldo, Favara, Adrano, Vittoria, Lentini) oltre a domenica 24, si voterà anche lunedì 25 ottobre.