Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Ema-i-vaccini-continueranno-a-proteggere-anche-con-Omicron-4081edfb-70a1-4ac5-bf66-520d44b3344f.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Bruxelles

Ema: con Omicron i vaccini continueranno a proteggere. "Fondamentali i richiami"

"Siamo pronti al peggio anche se speriamo il meglio", ha detto Cooke, direttrice esecutiva dell'Ema. L'Ok a Novavax "entro poche settimane"

Condividi
"Dai dati che vediamo" su Omicron "i vaccini autorizzati sono efficaci e continuano a salvare le persone da forme gravi e dalla morte. Anche se la nuova variante si diffonderà di più, i vaccini che abbiamo continueranno a garantire protezione".

Lo ha detto la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke, in un'audizione al Parlamento europeo, insistendo però sulla necessità di fare i richiami, visto che la copertura dei sieri si indebolisce col tempo.

"Dobbiamo lavorare ancora di più per fare crescere il tasso di vaccinazione nell'Unione europea soprattutto in quegli Stati membri dove questi tassi sono pericolosamente bassi. Questo è particolarmente importante mano a mano che avremo più informazioni sull'Omicron".

"Sappiamo che i virus mutano e siamo preparati. Abbiamo in vigore delle linee guida che consentono alle compagnie farmaceutiche di avere un percorso accelerato" per i vaccini adattati alle varianti del Sars-CoV-2. "Stiamo ancora valutando con attenzione", ma se necessario, a causa della nuova variante Omicron "abbiamo i piani di emergenza. Siamo pronti per il peggio anche se speriamo per il meglio. I vaccini restano lo strumento chiave", ha detto Cooke.

Se per affrontare Omicron "dovessimo adattare i vaccini" siamo nella posizione di approvarli "in tre-quattro mesi". Ma prima occorre stabilire "se serve l'adattamento", ha detto la direttrice Cooke.

Farmaci sicuri con più grande collezione di dati di sempre
"Vorrei assicurarvi circa l'aspetto legato alla sicurezza, credo che sia molto importante ricordare questo è il più grande gruppo di dati che sia mai stato raccolto su un farmaco o su un vaccino a livello mondiale", ha dichiarato la direttrice esecutiva dell'Ema. "Il sistema di farmacovigilanza è in grado di individuare effetti collaterali rari e di garantire che questi vengano gestiti. Quindi non solo abbiamo un sistema di farmacovigilanza che funziona benissimo ma possiamo anche agire laddove necessario", ha aggiunto Cooke.

Novavax entro poche settimane
"Il nuovo vaccino di Novavax potrebbe essere autorizzato nel giro di alcune settimane". "Abbiamo approvato i vaccini a tempo record, e in meno di un anno abbiamo consegnato un miliardo di dosi ai nostri Stati membri".

Vaccinazione eterologa efficace
"L'efficacia di questi vaccini si riduce del corso del tempo ed è sempre più evidente che ci sarà bisogno delle dosi di richiamo. Ad ottobre abbiamo raccomandato l'uso della dose di richiamo con i due vaccini a rMna. Adesso c'è una richiesta della valutazione dei dati per Johnson&Johnson. I dati mostrano che il richiamo ripristina l'immunità contro il contagi e la malattia. Stiamo anche considerando una strategia di vaccinazione eterologa, ci sono studi che suggeriscono che questo approccio potrebbe ripristinare la protezione con la stessa efficacia che se si utilizzare lo stesso vaccino. Stiamo lavorando a una raccomandazione che potrà essere utile agli Stati membri, questo già entro la fine della settimana", ha detto Emer Cooke, in uno scambio di opinioni con la Commissione Ambiente e Salute del Parlamento europeo.

Monoclonali efficaci, nuove terapie faranno la differenza
"Abbiamo già autorizzato tre terapie contro il Covid, sono anticorpi monoclonali e sono efficaci soprattutto per gli adulti che hanno un alto rischio per le conseguenze contro il Covid. Abbiamo anche notizie molto promettenti dai testi clinici per due prodotti orali, della Merck e Pfizer", ha detto la direttrice esecutiva dell'Ema. "Le terapie orali sono più semplici da utilizzare e stiamo lavorando molto rapidamente. Penso che questo tipo di farmaci farà la differenza per chi soffre di Covid. Tutte le nuove terapie sono un'integrazione necessaria agli strumenti a disposizione", ha aggiunto la direttrice.