Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Gran-Bretagna-pronta-a-bombardare-la-Siria-Cameron-chiede-via-libera-parlamento-Corbyn-umiliato-458edda0-d0d2-42c4-8ec3-7f89a8ec3086.html | rainews/live/ | true
MONDO

Guerra contro l'Isis

Gran Bretagna a 48 ore dalla guerra in Siria: Cameron chiede il via libera del Parlamento

Luce verde sempre più probabile dopo che il leader del partito laburista Corbyn ha dovuto lasciare libertà di coscienza ai suoi parlamentari

Condividi
I cacciabombardieri della Royal Air Force scaldano i motori e si preparano a colpire anche in Siria. Secondo un'anticipazione del Daily Mail il governo britannico vorrebbe dispiegare nella base di Cipro altri due tornado e sei eurofigher in aggiunta agli otto tornado che già compiono raid sul territorio iracheno. 
In programma domani il voto della Camera dei Comuni, che però si preannuncia favorevole per la scelta interventista del Premier David Cameron, dopo che il leader del Partito laburista Jeremy Corbyn ha dovuto rinunciare alla sua linea originaria decisamente contraria a impegnare l'aviazione di Sua Maestà in una nuova operazione militare nei cieli della Siria. I Deputati laburisti oggi voteranno secondo coscienza e questo fa pendere la bilancia verso un probabile via libera ai raid.