Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Green-Pass-controlli-piu-serrati-Lamorgese-incontra-prefetti-Sensibilizzare-esercenti-45e62b6e-a245-45d2-af66-25b15e2f87ae.html | rainews/live/ | true
Coronavirus

Nuove disposizioni

Green Pass, controlli più serrati. Lamorgese incontra i prefetti: "Sensibilizzare gli esercenti"

In vista degli obblighi sul "Green pass", previsti dal prossimo 6 dicembre, il ministro ha convocato una riunione con i prefetti dei capoluoghi di regione per valutare i piani messi a punto

Condividi
Il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, ha incontrato in videoconferenza i prefetti e i questori dei capoluoghi di regione per dare indicazioni sulla programmazione dei servizi finalizzati ai controlli sul possesso del "green pass" dopo l'entrata in vigore del decreto legge n.172/2021, che prevede nuove e più stringenti misure per contenere la diffusione del Covid-19. 

Controlli "più serrati sulla certificazione verde con una particolare attenzione alle aree e alle fasce orarie di maggiore afflusso di persone e al trasporto pubblico". 

Alla riunione hanno partecipato, in presenza, il Capo della polizia-Direttore generale della pubblica sicurezza, Lamberto Giannini, il Comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Teo Luzi, e il Vice comandante della Guardia di Finanza, Giuseppe Vicanolo.

Le indicazioni emerse nel corso dell'incontro verranno ora recepite nei piani territoriali predisposti dai prefetti sentiti, i Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica. "In questa fase ancora molto delicata per la salute pubblica, le forze di polizia e le polizie locali  - ha affermato il Ministro Lamorgese - continueranno a dare il massimo e ad agire con responsabilità ma anche con la necessaria fermezza".

"Ho chiesto ai prefetti di coinvolgere tutti i soggetti interessati, raccomandando loro di intensificare - ha detto la responsabile del Viminale - il confronto con i rappresentanti delle associazioni di categoria degli esercenti anche al fine di sviluppare una capillare opera di sensibilizzazione dei propri aderenti".

In base alla nuova normativa, ai prefetti è stato chiesto di mettere a punto dispositivi dedicati, si chiarisce in una nota del Viminale, per i controlli sugli utenti del trasporto pubblico locale con modalità condivise con le aziende di servizio nell'ambito dei Comitati provinciali per l'ordine e la sicurezza pubblica.