Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Guardiola-si-confessa-Odio-il-tiki-taka-dfc9e470-a714-4a94-9fbd-47295cc226ab.html | rainews/live/ | true
SPORT

Il libro uscirà a settembre

Calcio, Guardiola si confessa: "Odio il tiki-taka"

In "Herr Pep"  l'allenatore del Bayern Monaco ha rivelato alcuni dettagli del suo credo
calcistico

Condividi
"Odio il tiki-taka". Si confessa Josep Guardiola e 'rinnega' il sistema di gioco che ha reso celebre il Barcellona in 'Herr Pep', il libro che uscirà a settembre in Spagna e della quale alcuni quotidiani iberici offrono le prime anticipazioni.

"Il possesso della palla è solo uno strumento per organizzarsi e confondere gli avversari. Se non c'è una sequenza di 15 passaggi, è impossibile effettuare la transizione ben tra attacco e difesa. Impossibile", spiega l'attuale tecnico del Bayern Monaco all'autore dell'opera Marti Perarnau, che è stato al suo fianco per ben 200 giorni. "Nel libro puoi scrivere tutto quello che vedi e criticare tutto quello che vuoi, ma durante la stagione non scrivere niente di quello che vedi negli allenamenti a porte chiuse", ha detto Guardiola a Perarnau.

Nell'autobiografia, Guardiola racconta poi le ragioni che lo hanno spinto a lasciare il Barcellona dopo il ciclo leggendario: "Non è vero che me ne sono andato perché Rosell, allora presidente del Barça, non approvava la mia richiesta di riorganizzare la squadra. Ero al limite - chiarisce Guardiola - e non vedevo chiaramente che cosa potesse offrire la squadra".

Guardiola, che poi ha fatto riferimento al suo peggiore momento come allenatore del Bayern Monaco: "Lo 0-4 con il Real Madrid in Champions League è stato il mio peggiore momento come tecnico", ha detto riferendosi alla semifinale dell'ultima Champions.