Original qstring:  | /dl/archivio-rainews/articoli/Hotel-Rigopiano-valanga-terremoto-si-scava-nessun-segnale-di-vita-dal-albergo-sepolto-da-slavina-1b17dd00-8849-4d68-a8eb-1d399b3b7497.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Tragedia in Abruzzo

Hotel Rigopiano, ricerche senza sosta: trovate vive sei persone

I vigili del fuoco sono in contatto con i sei con i quali hanno piu' volte parlato. Al momento i superstiti sono ancora sotto le macerie. Il primo contatto con i sei è stato poco dopo le 11. 

Condividi

In condizioni proibitive si continua a scavare senza sosta tra neve e macerie a Farindola, dove una slavina ha travolto l'hotel Rigopiano dopo le  scosse di terremoto che hanno colpito la zona.  Nella struttura c'erano circa 35 persone, 22 clienti e 7 dipendenti, più qualche altro ospite, ma al momento è ancora incerto il numero delle vittime.  Nella notte ha smesso di nevicare e le temperature sono risalite attorno allo zero, ma c'è il pericolo di nuovi crolli e di nuove slavine causate dall'appesantimento del manto nevoso, nonostante ciò si continua a lavorare.

La slavina dopo il terremoto
E' stata una slavina devastante, che ha pressoche' sepolto gran parte della struttura, facendosi anche strada all'interno dei vari ambienti che la costituivano, e poi spazzato via quello che trovava sulla sua strada, cosi' come aveva gia' fatto con un fronte ampio di alberi che era a monte dell'albergo. Anzi, quell'ammasso di tronchi e' stato il di piu' che ha portato distruzione e lutti perche' l'onda d'urto e' stata ancor piu' forte. Un evento-killer innescato probabilmente dalle 4 scosse sismiche di magnitudo tra 5,1 e 5,4 della mattina di mercoledi' con epicentro l'area dell'Aquilano ma fortemente avvertite in questo versante della regione abruzzese dove il rischio valanghe era gia' classificato 4 (su una scala di 5) a causa dei grandi apporti di neve per diversi giorni di seguito. Una slavina che ha inoltre provocato una sorta di 'traslazione' dell'edificio, vale a dire lo ha spostato di una decina di metri in avanti, e non e' escluso che alcuni dei dispersi siano stati travolti e trascinati fuori dal perimetro dell'edificio. Non a caso le ricerche dei vigili del fuoco con le squadre specializzate in questo tipo di attivita' ed anche quelle condotte dai componenti del Soccorso alpino e speleologico riguardano anche la zona estera all'hotel, cioe' il fronte in pendenza della valanga nevosa.

Ieri recuperati tre corpi recuperati, un quarto individuato
I dispersi dovrebbero essere 28, dal momento che sono stati recuperati i cadaveri di tre vittime (e un quarto sarebbe stato individuato ma non ancora estratto dalle macerie) e altre due persone sono invece state tratte in salvo. Tra i dispersi, ospiti dell'hotel, una famiglia di Osimo con un bimbo, una coppia di Castignano (Ascoli Piceno), un 25/enne di Macerata con la fidanzata e un ternano di 33 anni.

Curcio: "C'è possibilità di crolli ulteriori"
Il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio a Porta a porta su Rai1 ha dichiarato: "Certamente c'è la possibilità di crolli ulteriori" nell'hotel Rigopiano di Farindola "occorre mettere in sicurezza e poi procedere".

"Scenario apocalittico"
"Ci sono tonnellate di neve, alberi sradicati e detriti - hanno riferito i vigili del fuoco - che hanno sommerso l'area dove si trovava l'albergo". "Ci sono materassi trascinati a centinaia di metri da quella che era la struttura", ha riferito Luca Cari, responsabile della comunicazione in emergenza dei vigili del fuoco. Il geologo Gian Gabriele Ori, dell'università Gabriele d'Annunzio di Chieti, parla di un'enorme 'colata di detriti' che ha travolto l'hotel. 'E' un fenomeno raro, che ha acquisito forza e velocità notevoli sotto la pressione della neve abbondante, dalla debolezza del terreno. Il terremoto lo ha innescato, come una miccia'. 

Gli ospiti erano pronti a partire
Secondo le ricostruzioni gli ospiti dell'albergo mercoledì a fine mattinata avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena fosse arrivato lo spazzaneve, che attendevano per le 15.00, ma l'arrivo è stato posticipato alle 19.00 e a quel punto è piombata la slavina. L'allarme era stato dato subito dopo via Whatsapp da uno dei superstiti: 'albergo sommerso dalla neve'. Per raggiungere il resort a quattro stelle di Farindola, in provincia di Pescara, a quota 1.200 metri, il Soccorso Alpino, il primo ad arrivare alle quattro del mattino, ha dovuto usare gli sci.


La Procura di Pescara apre indagine, acquisizione documenti
In queste ore i carabinieri forestali di Pescara sono in Provincia per acquisire tutti i documenti che possono interessare le indagini della Procura di Pescara in merito alla tragedia dell'Hotel Rigopiano. Si tratta dell'acquisizione di tutte le carte relative ai piani di emergenza e soccorso dell'area Vestina, da Penne verso la montagna, predisposte e attuate dalla Provincia. Richieste, movimenti, organizzazione di spalaneve, turbine, richieste di soccorso e quanto riguarda la viabilità di quella zona. 

Il superstite
Uno dei due sopravvissuti racconta: "Mia moglie aveva mal di testa e aveva bisogno di una medicina che era in macchina. Allora sono uscito dall'albergo e sono andato in auto. Mentre tornavo verso l'hotel ho sentito rumori e scricchiolii e ho visto la montagna cadere addosso all'edificio. Ha travolto anche me, ma parzialmente. Ho visto gran parte dell'albergo ricoperto dalla neve". Questa è la testimonianza di Giampiero Parete, affidata al datore di lavoro Quintino Marcella, il primo a ricevere la richiesta di aiuto. "Ho provato a entrare  dentro - dice ancora Parete - ma ho rischiato di rimanere intrappolato; allora mi sono aggrappato ad un ramo e sono riuscito a tornare verso la macchina. Poi ho incontrato il manutentore dell'albergo e insieme abbiamo lanciato l'allarme. Dall'interno dell'hotel non ho sentito alcun rumore o movimento". Intanto arriva anche il bollettino medico di Parete da parte del primario di Rianimazione del'ospedale di Pescara: "Era arrivato sonnolento da ipotermia. Ora ha raggiunto la temperatura normale, lo alimentiamo per bocca. Sta bene ed è fuori  pericolo. A me non ha chiesto nulla della moglie e dei figli. E' relativamente tranquillo e lo abbiamo sistemato in una parte riservata del reparto, con i genitori e assistito dagli psicologi".

La famiglia dispersa
C'è anche un famiglia di tre persone di Osimo tra i dispersi dell'Hotel Rigopiano: la madre è una commerciante, il marito un poliziotto, con il loro bimbo di 7 anni. Lo ha confermato il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni. C'e' anche una coppia di Castignano (Ascoli Piceno) fra le persone disperse. Si tratta di due giovani che erano in vacanza. A dare conferma della notizia è il sindaco di Castignano Fabio Polini. "Ho saputo la notte scorsa che nessuno dei due purtroppo risponde alle telefonate dei familiari".

Il sindaco
"Qui lo scenario è apocalittico - ha detto il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta - il paese è sotto shock, siamo a pezzi. E' finita Rigopiano, è finita Farindola". Poi ha aggiunto che i bambini presenti all'Hotel erano 4 e che "le speranze di
trovare persone in vita si riducono di ora in ora. In questo momento mi sento solo di abbracciare i familiari dei dispersi".

Le prime immagini dell'interno dell'albergo



Le macerie
I soccorritori, entrando nell'albergo, hanno girato brevi video, che mostrano il caos e la distruzione provocati dalla neve. Dalle prime immagini si vedono scalinate impraticabili, un salone invaso dalle macerie, suppellettili travolte. Secondo una testimonianza, i locali invasi dalle macerie si troverebbero al piano -1, cioè quello alla base dell'edificio, che davano sulla piscina esterna. Questo indicherebbe che l'intero hotel è stato distrutto. Ipotesi che sembra compatibile con quanto riferito dal soccorso alpino della guardia di finanza secondo cui la parte alta dell'hotel sarebbe stata spazzata via completamente dalla neve.

I soccorritori scavano per entrare nell'albergo






Gli sms del proprietario: "Clienti spaventati dal sisma"
"I clienti e le persone presenti all'interno dell'albergo erano spaventate per le forti scosse di terremoto e non tanto per il maltempo e per la neve abbondante. Ovviamente una slavina era inimmaginabile", dice all'ANSA un amico di Roberto Del Rosso, titolare dell'hotel Rigopiano, con cui mercoledì pomeriggio, verso le 15, si è scambiato dei messaggi. Il proprietario ha riferito al conoscente dei timori degli utenti per le forti scosse e del fatto che tutti erano pronti a partire, si attendeva solo la turbina. Anche Del Rosso è tra i dispersi.